Gabriel Veyre, un fotografo nell’intimità del Sultano

378

Nacque a Isère nel 1871, si laureo’ in Farmacia  a Lione e  divenne operatore cinematografico per i Fratelli Lumière. Gabriel Veyre aveva già girato il mondo quando arrivo’ in Marocco, nel 1901. Conobbe l’America latina, il Messico, Cuba, Colombia, Venzuela e Panama. Nel 1898 si imbarco’ per un secondo viaggio verso il Canada, poi in Asia, attraverso’ il Giappone, la Cina e l’Indonesia. I film che realizzo’ in Indonesia vennero presentati all’Expo Internazionale di Parigi del 1900. Calcolato i tempi si presume che fosse un vero avventuriero! La sua missione in Marocco era quella di iniziare il giovane Sultano Moulay Abdelaziz all’autocromo, tecnica pionieristica della fotografia a colori. Durante il soggiorno perse la moglie durante il parto del suo unico figlio, nel 1902, e traumatizzato dal tragico evento, decise di stabilirsi nel Reame e divenne il mentore artistico del Sultano. Durante sette anni non cesserà mai di scrivere con penna leggera della sua intimità, dei suoi capricci e delle sue scoperte nell’Harem di Moulay Abdelaziz. Amante del Paese, della sua luce e del suo popolo, l’ingegnere di Sua Maestà  dipinse un ritratto unico del Marocco al debutto del XX° secolo, incluso tutti i primi film che si girarono nel Reame. Ma gli interessi di questo affascinante e carismatico personaggio andarono ben oltre alla fotografia, alla pittura e alla scrittura. Dopo un burrascoso cambio di dinastie, dove il Paese conobbe periodi di rivolte intestine e fratricide, Veyre si stabili’ a Casablanca dal 1908 al 1934. Creo’ delle acciaierie, una stazione radio, elettrifico’ il Palais di Casablanca e importo’ le prime autovetture Ford del Paese.  Nel contempo impianto’ una fattoria modello e inizio’ l’allevamento degli struzzi, che a quel tempo era un fatto di per se curioso. Mori’ a Casablanca nel 1936 ed è sepolto nel cimitero europeo; il suo epitaffio lo descrive come “primo pioniere della civilizzazione francese in Marocco“. Fu in primis un appassionato della terra che lo accolse, come ricorda sempre suo figlio, Philippe Jaquier, co-autore di una biografia su suo padre. Con tutte le attività economiche che creo’ era chiaro che il suo sogno era quello di aiutare l’economia del Marocco. A Casablanca la rue Docteur Veyre rende ancora oggi omaggio a questo Lawrence d’Arabia del Reame marocchino e, curiosamente, è misconosciuto dai più. Un bellissimo libro fotografico è disponibile su Amazon.com,  ”Le Maroc de Gabriel Veyre 1901-1936“. Altro libro fotografico con testi, pubblicato nel 1905, sempre su Amazon.com dal titolo “Nell’intimità del Sultano“.

Fonte: My Amazighen

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here