Festival popolare Italiano – Canti e corde, mantici e ottoni, 1 ed.

324

Novalia 2Dal 13 febbraio al 24 aprile, tre mesi della migliore musica etnofolk italiana.

Tre mesi di Festival di musica popolare italiana al Centro policulturale Baobab dedicati a Canti e corde, mantici e ottoni.

Sotto la direzione artistica di Stefano Saletti (polistrumentista e compositore, alla guida della Piccola Banda Ikona e di diversi ensemble internazionali di world music) fino al 24 aprile ogni venerdì si alterneranno sul palco alcuni dei più importanti rappresentanti della scena popolare italiana.

Si parte il 13 febbraio, con una sfida simbolica della musica popolare al Festival di Sanremo, con la speciale reunion dei Novalia che celebreranno i trent’anni dalla nascita del gruppo.

Il Festival prevede inoltre le esibizioni di Lucilla Galeazzi, Riccardo Tesi e Banditaliana, Agricantus, Rocco De Rosa, Orchestra Bottoni, Enrico Fink e Arlo Bigazzi, TaMa Trio di Nando Citarella, Mauro Palmas e Pietro Cernuto, Giuliana De Donno e Gabriella Aiello, Circo Diatonico di Clara Graziano , Kabila e Lavinia Mancusi & Gabriele Gagliarini.

PROGRAMMA

Il primo appuntamento è il 13 febbraio con la reunion dei Novalia (uno dei gruppi di punta della scena popolare italiana degli anni Novanta e Duemila) con il concerto “30 anni in una notte”che vedrà Raffaello Simeoni e Stefano Saletti tornare insieme sul palco con la formazione storica composta da Giovanni Lo Cascio, Michele Frontino e Alessandro Strinati.

Il 20 febbraio protagoniste le sonorità acustiche con forti riferimenti al Mediterraneo e alle melodie del nostro Sud del compositore e pianista Rocco De Rosa che presenta i brani dell’ultimo doppio Cd “Sonoaria”. Con lui Pasquale Laino, Pino Pecorelli, Alessandro D’Alessandro, Antonio Franciosa.

Il 27 saranno di scena gli organetti dell’Orchestra Bottoni, un ensemble ricco di suoni che coniuga tradizione ed evoluzione diretto da Alessandro D’Alessandro con Antonella Costanzo, Gianfranco Onairda, Silvia Di Bello, Matteo Mattoni, Elisa Di Bello, Giuseppe Di Bello, Francesca Villani, Giacomo Nardone, Mario Mazzenga, Raffaele Di Fenza.

Il 6 marzo Lucilla Galeazzi, grande voce della musica popolare italiana ed ambasciatrice della nostra musica in Europa e nel mondo, presenta il suo progetto in trio con Giuseppe De Trizio e Carmine Bruno. L’ultimo Cd della cantante è “Festa italiana” che celebra la vitalità e il fascino del repertorio popolare italiano delle festività, dal carnevale al maggio.

Il 13 marzo gli Agricantus presentano il nuovo concerto per la stagione invernale Akoùstikòs, che va alla riscoperta di un suono naturale, “acustico” appunto, fatto di legni, canne, pelli, corde, tavole armoniche, voci, nella loro dimensione più pura con Federica Zammarchi, Mario Crispi, Mario Rivera, Giovanni Lo Cascio e Giuseppe Grassi.

Il 20 marzo di nuovo l’organetto protagonista con uno dei più grandi interpreti dello strumento: Riccardo Tesi. Composizioni originali, virtuosismi strumentali, preziosi incastri ritmici e arrangiamenti raffinati costituiscono la cifra stilistica di “Maggio” il nuovo Cd realizzato con Banditaliana insieme a Maurizio Geri, Claudio Carboni, Gigi Biolcati.

Il 26 marzo (giovedì) appuntamento con la tradizione ebraica con le storie di viaggi, di migrazione, di speranze, dalla Russia zarista di inizio ‘900 agli ebrei italiani che abitavano a Brooklyn, raccontate e suonate dal flauto e la voce di Enrico Fink e il basso di Arlo Bigazzi, insieme a Marco Furelli, Marzio Del Testa, Riccardo Battisti.

Il 27 marzo l’arpa di Giuliana De Donno e la voce di Gabriella Aiello per un concerto dedicato al mare, ai paesi e alle culture che unisce, alle storie che lo hanno navigato. Un viaggio che parte dalle tradizioni popolari del Mediterraneo per approdare sulle coste d’Irlanda fino alle Americhe.

Il 9 aprile (giovedì) di scena il Circo Diatonico, una piccola banda di fiati guidata dall’organetto di Clara Graziano, che propone un originalissimo repertorio ispirato al mondo del circo e dello spettacolo viaggiante con Gabriele Coen, Rosario Liberti, Andrea Pandolfo, Gigi Capone.

Il 10 aprile il suono mediterraneo dei Kabìla, formazione multietnica con base ad Arezzo, che prende il nome dalla parola araba che significa tribù, a rappresentare l’intera umanità nei suoi mille colori, lingue e culture. Il nuovo Cd è “Yallah!”, sul palco Emad Shuman, Mirko P. Esse, Cristiano Rossi, Adriano “Nano” Checcacci, Marco “Kyano” Chianucci, Gabriele “Cato” Polverini.

Il 17 aprile di scena Lavinia & Semilla, un duo formato dalla cantante folk Lavinia Mancusi e il percussionista Gabriele Gagliarini che presentano il loro nuovo progetto, accompagnati dal chitarrista Riccardo Medile.

Il 24 aprile chiude il festival il progetto Ta-Ma Trio, di Nando Citarella, Mauro Palmas e Pietro Cernuto, un concerto a voce, corde, percussioni e aerofoni che rimanda ad un gioco di intrecci tra le tessiture musicali dei repertori dei canti appartenenti alle tradizioni partenopei siciliane e sarde.

Calendario e programma

13 febbraio 2015 – Novalia “Reunion: 30 anni in una notte”

20 febbraio 2015 – Rocco De Rosa Sonoaria

27 febbraio 2015 – Orchestra bottoni Live

6 marzo 2015 – Lucilla Galeazzi Trio

13 marzo 2015 – Agricantus “Akoùstikòs”

20 marzo 2015 – Riccardo Tesi e Banditaliana Maggio

26 marzo 2015 – Enrico Fink e Arlo Bigazzi “Storie dal pozzo”

27 marzo 2015 – Giuliana De Donno e Gabriella Aiello Dacqua e di sale

9 aprile 2015 – Clara Graziano e Circo Diatonico La Banda

10 aprile 2015 – Kabìla Yallah!

17 aprile 2015 – Lavinia & Semilla Mediterraneo e Nuovo Mondo

24 aprile 2015 – Ta Ma Trio: Citarella, Palmas, Cernuto “A voce, a corde, a fiato e a percussione

Baobab, via Cupa 5 – Roma

“Festival popolare italiano del Baobab Canti e corde, mantici e ottoni

Dal 13 febbraio al 24 aprile 2015 – inizio concerti 21.30

ingresso 10 euro 20 euro con cena etnica (necessaria la prenotazione)

INFO LINE : 338 5833080

email: baobabcentropoliculturale@gmail.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here