Premonitions, girare ad Atlanta

353

PremonitionsPoster ItaLa produzione di Premonitions è iniziata nel maggio 2013, due mesi dopo che Silver Reel, Flynn Picture Company, e Eden Rock Media avevano riacquistato i diritti dalla New Line Cinema, e circa 13 anni dopo che Flynn e Augsberger avevano letto la prima sceneggiatura, scritta da Bailey e Griffin .

Quando si è trattato di scegliere una location per girare Premonitions, i realizzatori volevano una grande e suggestiva metropoli, fatta di grandi pilastri come Chicago o New York, ma senza punti di riferimento specifici. La città doveva avere anche una stazione ferroviaria non sotterranea, per la sequenza d’azione culminante del film, che si svolge su un treno di pendolari.

I realizzatori hanno visitato diverse città e, alla fine, la scelta è caduta su Atlanta che ha l’aspetto delle grandi metropoli, una base esperta ed equipaggiata di produzione, un forte programma di incentivi relativi al cinema, e il sistema ferroviario richiesto. Il sistema ferroviario rapido di Atlanta, MARTA (Metropolitan Atlanta Rapid Transit Authority) ha collaborato in maniera straordinaria, supportando e aiutando Poyart e la sua crew per filmare la lunga ed elaborata scena d’azione sui treni.“E’ una grande sequenza e non poteva essere riscritta o ri-concettualizzata,” ha dichiarato Justin Diener, line producer di Premonitions. “Così, abbiamo lavorato a stretto contatto con MARTA per riuscirci”. Gli addetti alla sicurezza e gli ingegneri di MARTA hanno riservato una pista della stazione, quella che collega Avondale a Decatur, per due notti, in modo da permettere le riprese della lunga sequenza con i treni fermi e in movimento. In seguito, i realizzatori si sono spostati nella MARTA Barn, un magazzino per la manutenzione dei vagoni ferroviari, utilizzando un green screen per girare la scena sulla piattaforma senza bloccare il traffico dei treni.

“E’ stata una scena talmente importante e siamo stati molto fortunati ad averla girata nella maniera in cui ci siamo riusciti,” ha detto Poyart. “L’intera sequenza è riuscita davvero bene grazie ad un sacco di tensione e di strutture. Si è rivelata una location molto interessante per una delle scene chiave del film. “

“Le locations erano molto impegnative, dal momento che avevamo più locations che giorni in cui poter girare,” ha affermato Diener. Con più di 34 sedi, la produzione è stata in movimento su Atlanta quasi quotidianamente. Molti dei luoghi erano nei pressi del centro: la Chiesa episcopale di S. Luca a Peachtree Street, il Marriott Suites Hotel e Hyatt Regency, l’Archivio di Stato, l’Ospedale di St. Joseph, l’Art Exchange, Smith’Olde Bar e le stazioni degli autobus di Brotherton e Peachtree Street.La casa di campagna di Clancy è stata girata in una casa colonica nella vicina Sharpsburg, in Georgia.

Oltre agli spostamenti, anche le condizioni meteo hanno rappresentato una bella sfida. “Ha piovuto praticamente ogni giorno e abbiamo dovuto girare parecchie volte, soprattutto la scena dell’incidente con l’auto”, ha detto Augsberger. “Abbiamo avuto capi dipartimento bravissimi ed una crew, equipaggiata, che ha lavorato duramente nonostante il maltempo ma che ha rispettato il calendario di lavorazione.” Alcune parti della sequenza d’inseguimento dell’automobile, in cui Katherine e Clancy inseguono il sospetto Harp, sono state girate in centro a Decatur St. SE e Peachtree Street. Lavorando con uno stunt coordinator come Toby Holguin e un coordinatore SPFX come David Fletcher, Poyart ha girato la scena dell’incidente sotto il vasto complesso del Georgia Dome e dal Georgia World Congress Center vicino Centennial Olympic Park.

“Abbie è, davvero, un pilota nato: è cresciuta in Australia, in un ranch vicino a una pista di corse automobilistiche – quindi è davvero abile con tutte le auto, acrobazie o azioni varie, e ama farle”, ha detto Augsberger. Utilizzando il principio dell’autenticità, gli attori e i realizzatori hanno fatto ricerche sull’utilizzo dei sensitivi nelle forze dell’ordine, tra cui il lavoro con l’FBI per garantire alla storia e alle azioni dei personaggi un appiglio forte alla realtà. “Ci sono dei dipartimenti di polizia in tutto il mondo, in Russia specialmente, che si avvalgono dell’aiuto dei sensitivi”, ha detto Hopkins. “C’è uno abbastanza conosciuto in Canada, e alcuni che sono davvero bravi. Penso che ci siano momenti in cui l’FBI e la polizia dice, ‘Ok, bene, proviamoci.”

L’agente speciale dell’FBI Steven Emmett e l’agente speciale Christopher Beanland, con base ad Atlanta, hanno mostrato ai realizzatori i loro uffici di campo e hanno fatto fare agli attori un training con armi specifiche. Beanland ha anche lavorato come consulente tecnico sul set. Sebbene l’FBI affermi di utilizzare l’ausilio di chiaroveggenti, di norma aderisce con maggiore facilità a tecniche più tradizionali e analitiche per risolvere i crimini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here