Stabat Mater di G.B. Pergolesi: un concerto per Margherita – 9 dicembre, Como

389

Stabat Mater di G.B. Pergolesi: un concerto per Margherita - 9 dicembre, ComoMercoledì 9 dicembre alle 20.30, nella Basilica di Sant’Abbondio a Como, si terrà il concerto dedicato a un capolavoro della musica sacra, lo Stabat Mater di Giovanni Battista Pergolesi.

Promosso dal Dipartimento di Diritto, Economia e Culture dell’Università degli Studi dell’Insubria, l’evento è organizzato dall’Associazione Margherita Ripamonti in ricordo di Margherita, giovane architetto scomparsa prematuramente, con il patrocinio dell’Ateneo e del Comune di Como.

Lo Stabat Mater sarà eseguito con strumenti d’epoca sulla base del manoscritto autografo di Pergolesi dall’orchestra milanese Silete Venti! e sarà interpretato da Emanuela Galli e Lucile Richardot, due voci soliste formate al repertorio barocco e di levatura internazionale, dirette dal maestro Simone Toni.

Commissionato nel 1735 da una confraternita laica napoletana, lo Stabat Mater, capolavoro di Pergolesi che ha ispirato molti compositori successivi, venne scritto dal giovane compositore negli ultimi giorni della sua breve vita. La geniale partitura richiede solo due voci – una voce femminile e una mascolina, adatta al timbro dei castrati – pochi archi e il consueto basso continuo. Nello Stabat Mater la musica cerca di continuo un rapporto emotivo con la parola e riesce a esprimere il dolore umano senza mai alzare la voce e sostenendo la limpidezza del canto. Il testo, scritto nel XIII secolo da Jacopone da Todi, è utilizzato come sequenza liturgica ufficiale della festa della Madonna dei sette dolori.

Programma del concerto

Sinfonia a tre per violoncello & b.c. in fa maggiore di G.B. Pergolesi (1710-1736)

Stabat Mater (1735) di G. B. Pergolesi, sequenza in fa minore

Emanuela Galli

Milanese, ha lavorato con vari maestri, tra cui Ottavio Dantone, Diego Fasolis, G. Garrido, Jordi Savall e John Eliot Gardiner. Ha collaborato con Accademia Bizantina, Europa Galante, la Cappella della Pietà dei Turchini, Elyma, La Risonanza, La Venexiana, la Fenice di Sens, Piccolo Concerto Wien, Milano Classica, I Sonatori della Gioiosa Marca, dedicando una particolare dedizione al repertorio barocco. È stata ospite dei più importanti Festival e teatri italiani ed europei. Negli ultimi anni ha tenuto concerti in tutta Europa, in Giappone e negli Stati Uniti.

Lucile Richardot

Dopo 6 anni al Petits Chanteurs à la Croix de Lorraine di Epinal gli studi al conservatorio del quinto arrondissement di Parigi, nel 2008 Lucile Richardot si laurea al Maîtrise de Notre-Dame de Paris e nel 2011 in Musica Antica al CRR di Parigi. Nel 2012 fonda il gruppo Tictactus con Stéphanie Petibon e Olivier Labé alla tiorba, liuto e chitarra.

Si è esibita in tutti i repertori, dal medioevale al contemporaneo, con Les Solistes XXI, Correspondances, L’Ensemble vocal de Notre-Dame de Paris, Pygmalion, e come solista con Gérard Lesne, Skip Sempé, Jérôme Corréas, Patrick Cohën-Akénine, Patrick Ayrton, Sébastien Daucé e l’Ensemble Correspondances.

Silete Venti!

L’orchestra Silete Venti! nasce nel 2004 ad opera di Simone Toni per approfondire lo studio del repertorio del periodo barocco e classico. È formata da musicisti di altissimo livello, vincitori di concorsi internazionali, già prime parti in orchestre famose e docenti in scuole prestigiose, ai quali sono stati affiancati giovani di grande talento nel desiderio di stimolarne una formazione culturale ambiziosa e profonda. L’alto profilo del progetto ha permesso a Silete Venti! di diventare in breve tempo una importante realtà nell’ambito della musica antica.

Dopo il grande plauso decretato dal pubblico e dalla critica musicale per il cd dedicato al Concerto doppio ritrovato “di Signore Haendel” e ai Concerti Grossi op. 3, sotto la guida di Corrado Rovaris, Silete Venti! ha riproposto i suoni che ama in un lungo percorso dedicato ad Antonio Vivaldi. Primo atto di questo viaggio il ciclo di concerti e l’incisione discografica di “Vivaldi e l’Angelo di avorio”. I primi due volumi (The late oboe concertos e The European Journey) hanno ottenuto la nomination come migliori dischi dell’anno nella categoria “barocco strumentale” degli International Classical Music Awards 2014 e 2015.

Ingresso libero.

Per informazioni:

Associazione Margherita Ripamonti

Referente Prof.ssa Gilda Ripamonti

associazione@margheritaripamonti.org

Tel. 031 571311 – 348 8737560

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here