The Founder, il casting ha inizio…

266

UN CANDIDATO ALL’OSCAR®,

DUE ATTORI DI TALENTO,

UN CAST ECCEZIONALE …

UN PANINO CON SEMI DI SESAMO, SALSA SPECIALE, LATTUGA, FORMAGGIO, SOTTACETI, CIPOLLE

Il produttore esecutivo della FilmNation Aaron Ryder, John Lee Hancock e il produttore esecutivo Glen Basner, collega di Ryder alla FilmNation, ricordano che una sera erano in un bar – “una di quelle sere in cui tutte le grandi decisioni vengono prese” – e stavano parlando del casting. “Ho detto a John che saremmo dovuti andare a casa e scrivere cinque nomi su un pezzo di carta per il ruolo di Ray Kroc, metterlo via per un paio di giorni e non pensarci più. Poi riprendere quel pezzo di carta e cerchiare due nomi. Così ho fatto proprio questo e il primo nome è stato Michael Keaton. Non ricordo nemmeno il secondo nome tanto ho sentito che Keaton fosse perfetto per la parte. L’attore aveva appena girato BIRDMAN e aveva appena vinto il Golden Globe come Miglior Attore. Il produttore Don Handfield aveva visto recentemente una foto in bianco e nero di Keaton sulla copertina di Entertainment Weekly e aveva subito pensato: “Ecco Ray Kroc! Sembrava esattamente lui. E’ un attore fenomenale e ha interpretato così tanti ruoli che sapevo che sarebbe stato fantastico come protagonista del film. È il tipo di attore che incarna il prototipo del sogno americano.”

Michael Keaton interpreta Ray Kroc, l’uomo che ha trasformato l’idea dei fratelli McDonald in una catena nazionale di successo. Dopo una carriera di successo con ruoli iconici in film come BATMAN e BEETLEJUICE, Keaton ha ottenuto una candidatura all’Oscar® per il suo ruolo da protagonista nel film nominato agli Oscar® BIRDMAN.

Michael Keaton ha accettato la parte. “La prima volta che ho sentito parlare di questo progetto e ho iniziato a leggere la sceneggiatura, ho pensato: perché mai nessuno ha raccontato questa storia? È un classico esempio del capitalismo americano. E tutti hanno un rapporto con McDonald riconducibile all’infanzia. Non è solo questione di hamburger o di cibo. McDonald è stato il più grande cambiamento nella cultura popolare dei fast-food che ci sia mai stata. È il luogo dove è cambiato tutto in America.”

Pur essendo THE FOUNDER la prima collaborazione tra Keaton e il regista John Lee Hancock, fin da subito i due hanno sentito una grande sintonia per l’interpretazione del personaggio principale del film. Per Hancock il film poggia letteralmente sul ritratto che Keaton fa di Ray Kroc. “Questo film è basato tutto su Michael Keaton,” afferma Hancock. “È presente in quasi tutte le scene.” È il “viaggio” di Ray Kroc da un commesso viaggiatore di 52 anni agli uffici dirigenziali di una delle aziende in più rapida crescita in America. “Sapevo che Michael Keaton sarebbe stato grande. È incredibilmente dotato, talentuoso, è un attore con cui è facile lavorare poiché disposto a sperimentare.”

Anche lo sceneggiatore Robert Siegel concorda sull’opinione rispetto a Michael Keaton, osservando che un attore originario di Pittsburgh è perfetto per interpretare un uomo del Midwest che si sente come un pesce fuor d’acqua quando si ritrova al sole della California. “E’ estremamente affascinante, ma quando vuole, sa essere anche viscido, mellifluo. E’ in grado di raggirarti con facilità, ha una gran parlantina. Ha interpretato diversi ruoli come venditore. Avrebbe potuto recitare in AMERICANI o interpretare Willy Loman. Sa essere drammatico, affascinante e carismatico allo stesso tempo.”

Per i ruoli di Dick e Mac McDonald, inizialmente partner di Ray Kroc e poi avversari, il produttore Aaron Ryder dice ci è voluto molto tempo per individuare gli attori giusti. “Sono molto orgoglioso di come abbiamo selezionato gli attori per i fratelli McDonald. È sempre difficile selezionare attori che devono interpretare dei fratelli, è necessaria anche una certa somiglianza o affinità fisica, e questo non è semplice. John Lee Hancock li ha sempre concepiti come uomini robusti dall’aspetto molto americano.” Per primo fu scelto Nick Offerman, allora disponibile perché nella pausa estiva della serie della NBC, PARKS AND RECREATION; a seguire fu scelto il caratterista John Carroll Lynch. “Guardandoli insieme sembravano funzionare”, dice Ryder. “Abbiamo messo le loro foto accanto ai veri fratelli McDonald e abbiamo pensato che fossero un buon abbinamento, oltre, naturalmente, al fatto di essere ottimi attori.”

L’attore e umorista Nick Offerman interpreta Richard “Dick” McDonald, il più giovane dei fratelli McDonald; tra i due è il più creativo e ferrato in termini di design. Oltre a molte innovazioni e ad aver ispirato il vocabolario dell’architettura del dopoguerra, Dick ha originariamente progettato i leggendari archi dorati della catena di fast-food, nel tentativo di rendere il loro ristorante immediatamente distinguibile per i passanti, e così facendo, creando uno dei simboli più iconici nella storia della ristorazione.

In THE FOUNDER l’attore comico – attualmente star della commedia PARKS AND RECREATION della NBC – interpreta uno dei suoi primi ruoli drammatici. Secondo il produttore Aaron Ryder, Nick Offerman ha recitato in diversi film più piccoli e alcuni film indipendenti, ma mai con un ruolo così complesso e strutturato. “In merito al suo personaggio (Dick McDonald) Offerman, sostiene che i fratelli McDonald siano una sorta di Henry Ford del fast –food, e ritiene Mac quello affabile e che ci sa fare con la gente. “Se si fosse trattato di auto, Mac sarebbe stato quello capace di venderti l’auto dei sogni mentre Dick sarebbe stato più adatto a fare i conti, controllare gomme e luci e mettere a punto tutto.” Nel suo tempo libero Nick Offerman è anche un falegname e gestisce il suo negozio Offerman Woodshop nel quartiere alla moda Atwater Village nel lato est di Los Angeles. Per interpretare il ruolo di Dick McDonald divenendo quello che lui stesso definisce “il ritratto di Norman Rockwell,” Offerman ha dovuto tagliarsi i baffi, che caratterizzano il personaggio che interpreta in PARKS AND RECREATION. “Sono stati proprio il taglio di capelli, gli occhiali e una divisa da ristorante che mi ha permesso di sentire la mentalità dell’uomo di affari che credo avesse Dick McDonald.”

Offerman sottolinea che è sempre stato affascinato dalla storia della nascita dei fast-food e di aver divorato il libro di Eric Schlosser, Fast Food Nation e altri libri dell’autore Michael Pollan. Si è sentito privilegiato ad interpretare un personaggio che rappresenta una parte della storia di McDonald. “Ray Kroc ha ragione quando dice ai due fratelli: “avrete molti imitatori che cercheranno di fare ciò che fate voi!” Ma le persone pagheranno per il nome McDonald e per ciò che rappresenta in termini di fast-food americano.” Offerman sostiene che quando i McDonald aprirono il loro chiosco a San Bernardino nel 1940, una nuova normativa del Presidente Franklin D. Roosevelt era appena stata approvata e gli americani si sentivano in diritto di ottenere ciò che volevano velocemente.” Abbiamo il diritto di ottenere i nostri pasti e le nostre auto e i nostri posti di lavoro e la nostra merce in modo molto più veloce, più automatizzato”, dice Offerman. “Kroc intuì questa necessità e trovò il modo di sfruttarla per guadagnarci.”

Il prolifico attore americano John Carroll Lynch, che ha ottenuto la sua prima grande occasione nel ruolo di Norm Gunderson nel film dei fratelli Coen, FARGO, ed è apparso in molte serie TV, interpreta il fratello maggiore di Dick, Maurice “Mac” McDonald. “A Mac piacciono le persone ed è un sentimento reciproco. Sono pronto a scommettere che era quello che si occupava delle assunzioni. Si assicurava che il libro paga fosse rispettato. Con il fratello Dick si completavano perfettamente. Nel film questa dicotomia è rappresentata molto bene.” I fratelli McDonald erano molto vicini, erano compagni in affari e amici. Il loro rapporto era incentrato intorno al loro business.”

Durante il primo incontro con Ray Kroc a San Bernardino, Mac McDonald racconta la storia di come lui e Dick hanno iniziato la loro attività. La scena, che è stata girata in un ristorante italiano ad Atlanta il primo giorno di set di John Carroll, ha visto Lynch recitare un monologo di ben cinque pagine. Lynch racconta: “La chiave di questo film è la sua velocità così come lo è per l’attività dei fast-food. In questo lungo monologo si vede lo sviluppo del concetto di McDonald dei due fratelli partendo da quando entrarono nel mondo della ristorazione al momento in cui svilupparono il sistema Speedee. È una specie di corso sulle basi fondamentali della storia di McDonald.” Lynch sottolinea quanto sia raro per un attore cinematografico avere la possibilità di recitare un monologo di cinque pagine.”

Sebbene Dick e Mac McDonald siano i veri fondatori dell’omonimo ristorante, è Ray Kroc ad essere considerato tale grazie alla sua determinazione di ottenere il dominio totale della società. Lynch dice che Dick e Mac non avevano idea di quello in cui si stavano imbarcando quando erano entrati in affari con Ray Kroc. “Non si sono resi conto di quanto fosse spietato e senza scrupoli”, dice Lynch, notando che la visione del capitalismo dei fratelli era radicalmente diversa da quella dell’uomo che in seguito li avrebbe estromessi dalla società. “Per i fratelli McDonald capitalismo significa eccellenza ed efficienza. Penso che lo fosse anche per Ray Kroc ma a questa equazione egli aggiunse la parola ‘dominio’, quindi, eccellenza, efficienza e potere.”

Secondo il produttore Don Handfield, la sintonia tra Nick Offerman e John Carroll Lynch è stata immediata. “Sembrano davvero fratelli, condividono questa storia e questa passione, si intendono perfettamente anche senza parlare.”

La due volte candidata agli Oscar® Laura Dern interpreta Ethel Kroc, la moglie di Ray da ben 39 anni, oramai frustrata dalle continue imprese lavorative del marito e trascurata dalla sua assenza. Ethel ha sostenuto Ray in tutte le sue iniziative di affari, fosse la vendita di bicchieri di carta o il tavolo-e-panca pieghevole chiamato Fold-a-Nook. Ora, passati 50 anni, Ethel desidera rilassarsi al country club con i loro amici o viaggiare, e non vedere la sua casa ipotecata per sostenere l’ultima grande idea del marito. Il produttore Don Handfield ha condiviso la visione del personaggio di Ethel che la Dern aveva: “Laura ha una capacità tale di comprendere e interpretare un personaggio che, anche se ci fossero cose poco gradevoli da recitare, riuscirebbe ad umanizzarle e farle comprendere al pubblico.”

Laura Dern aveva conosciuto il regista John Lee Hancock nel film di Clint Eastwood UN MONDO PERFETTO di cui era lo sceneggiatore e in cui l’attrice aveva recitato a fianco di Kevin Costner. L’attrice afferma di essere stata incuriosita dal ruolo di una donna sposata con un uomo ossessivo, determinato, e guidato a livello maniacale dalla sete di successo. Le domande che lei si pone – “Quanto durerà? Quando andrà tutto in pezzi? – conferiscono una sorta di aspetto umano e morale al lato commerciale della storia. Laura Dern dice che la sua fortuna è stata aver avuto una certa familiarità con quel periodo storico avendo già nella sua lunga carriera interpretato ruoli in altri film ambientati in quegli anni. Ha anche preso ispirazione dalla sua famiglia; suo nonno era un commesso viaggiatore con una determinazione simile a quella di Ray Kroc, che ha provocato molta solitudine alla nonna.

Nella prima scena in cui Ray e Ethel appaiono insieme, è evidente che il loro matrimonio sta passando un momento critico. Nella sua autobiografia, Kroc si riferisce al suo matrimonio come “una vera e propria opera wagneriana sul conflitto.” Laura Dern osserva: “Ray non ha ottenuto il successo che desidera e sebbene la moglie lo rassicuri dicendogli che lei è soddisfatta e si accontenta di ciò che hanno, lui è terrorizzato che questo approccio lo trascini verso il basso. Perché la soddisfazione non significa far parte della vittoria e questo tipo di energia lo trascina verso l’apatia.” Aggiunge inoltre che in questa fase della sua vita Ray doveva trovare qualcuno che avesse la sua stessa ambizione. “Se si entra nella vita di un uomo che è agli inizi del suo percorso con bene in mente l’obbiettivo che si prefissa di ottenere e negli anni quell’uomo non riesce a raggiungerlo, la colpa sarà sicuramente della moglie. Ma se quella stessa donna lo avesse incontrato 15 anni più tardi, avrebbero potuto avere un matrimonio sorprendente.”

Linda Cardellini interpreta Joan Smith, la sorprendente pianista bionda che si esibisce nella steak house del marito di Rollie, che attira immediatamente l’attenzione di Ray Kroc. Per la parte, i produttori cercavano una bionda, una donna che ricordasse il Midwest, un tipo alla Doris Day. Ma, impressionati dalle performance di Lina Cardellini in MAD MEN, e la serie Netflix BLOODLINE, scelsero l’attrice nonostante i suoi capelli scuri. “Linda è un camaleonte”, dice Aaron Ryder. “Durante il provino ha iniziato a cantare la canzone che il suo personaggio canta nel film. Era proprio lei, perfetta.”

“Ho letto che Joan disse che fin dal suo primo incontro con Ray, entrambi sapevano che un giorno si sarebbero sposati”, dice Linda Cardellini. Sebbene il matrimonio di Joan e Rollie sembrasse solido, Joan era attratta dalla sicurezza e dalla visione di Ray Kroc. Nonostante provassero forti sentimenti reciproci e avessero conversazioni intime e segrete, attesero di esser divorziati per concretizzare i loro sentimenti e poi sposarsi. Linda Cardellini dice che uno degli aspetti di Joan che ha conquistato Ray, è che lei vedesse chiaramente ciò che lui voleva. “Penso fosse una donna entusiasta delle idee di Ray di cui anche lui era molto orgoglioso e convinto e questo l’affascinava. È una sorta di spirito imprenditoriale condiviso. Era conquistata dal suo amore per la vita, dal suo entusiasmo.” Anni dopo il suo matrimonio con Ray, Joan Kroc è diventata una delle più amate filantrope della nazione ed ha fondato l’omonima Fondazione Joan B. Kroc.

Patrick Wilson è Rollie Smith, il proprietario di una steakhouse del Minnesota che divenne uno dei primi McDonald di Ray Kroc. Wilson, che aveva già lavorato con il regista John Lee Hancock per il film ALAMO – GLI ULTIMI EROI, dice: “Al tempo Rollie era sposato con Joan e sembravano una coppia apparentemente felice.” Ma quando Ray incontrò Joan al ristorante di Rollie, era evidente che stava nascendo una storia d’amore. Wilson riflette “Sappiamo molto di Joan e del suo ruolo nell’impero McDonald, ma non c’è molto sulla sua vita con Rollie” Uno degli aspetti che ha colpito l’attore è la “classe” con cui Ray e Joan hanno gestito la loro relazione. “Ho interpretato molte storie di adulteri, ma il rapporto di amore tra Joan e Ray è sbocciato così velocemente e si è dimostrato duraturo nel tempo.”

Wilson era l’unico attore che i produttori hanno preso in considerazione per il ruolo di Rollie Smith. “La cosa importante era il motivo per cui Joan lasciò il marito per Ray. Il fatto che questo uomo giovane, vivace, così bello venisse lasciato per un fallito venditore di frullatori 54enne è qualcosa che fa pensare!

Harry Sonneborn, il mago della finanza che aveva contattato Ray Kroc nel 1955 con una geniale manovra finanziaria su come gestire il franchising, è interpretato da BJ Novak, un autore di successo della serie della NBC, THE OFFICE. “Harry ricorda un po’ uno squalo, dice il produttore Aaron Ryder, “Ben curato, ben educato, molto intelligente e molto sicuro di sé. Abbiamo cercato qualcuno con quel tipo di intensità. I ruoli che BJ ha interpretato in THE NEWSROOM e in THE OFFICE, mostrano la sua grande versatilità. È un attore in grado di diventare in modo convincente il suo personaggio, e così è stato con il ruolo di Harry.”

Novak, i cui crediti includono AMAZING SPIDER-MAN 2 e BASTARDI SENZA GLORIA di Quentin Tarantino, ha lavorato con Hancock nel 2013 in SAVING MR. BANKS, in cui interpretava Robert Sherman, uno dei fratelli Sherman, leggendario duo di autori musicali. Sonneborn è in una banca quando sente che Ray Kroc non riesce ad ottenere un prestito; lo raggiunge quando esce e gli propone un progetto di business alternativo. “L’idea di Harry Sonneborn è che McDonald non deve essere solo una società di vendita di hamburger”, dice Novak. “Deve essere una società immobiliare, acquistando il terreno su cui costruire i fast-food per poi affittarli in locazione agli affiliati. In questo modo Ray sarebbe davvero a capo di chiunque voglia aprire un McDonald. Un’idea molto innovativa nel 1950.”

Novak aggiunge che Sonneborn, che poi sarebbe diventato presidente di McDonald, ha un temperamento completamente opposto a quello di Ray Kroc. “Ray Kroc è un vero venditore; è bravissimo con le persone, ma non con i numeri. Harry Sonneborn è introverso e si concentra sui dettagli e sui conti. Ray è Main Street, mentre Harry è Wall Street.”

Justin Randell Brooke interpreta Fred Turner, un promettente ragazzo impiegato in uno dei ristoranti McDonald come addetto alle griglie. Divenne poi il braccio destro di Ray Kroc, suo vice presidente e responsabile dei franchisee. Nel 1970 Fred Turner divenne Amministratore Delegato di McDonald.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here