Omicidio stradale. A.N.E.I.S.: anche i più alti vertici della magistratura stigmatizzano la nuova legge

341

Ancora una volta non si garantisce alle vittime e ai loro famigliari un adeguato e tempestivo risarcimento

Con un’intervista a tutta pagina su “Il Corriere della Sera”, il Presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, Dr. Piercamillo Davigo ha dichiarato che la recente approvazione della legge sull’omicidio stradale è una cosa “priva di senso”, aggiungendo che “…per l’omicidio stradale la pena è talmente alta che tra un po’ a qualcuno converrà dire che voleva ammazzare, per rispondere di omicidio volontario…”.

“Ciò che risulta ancor più incomprensibile ed incoerente di tale nuova legge – commenta Giovanni Polato, Presidente A.N.E.I.S. (Associazione Nazionale Esperti Infortunistica Stradale) – è che a fronte di tanto accanimento contro l’indagato per un reato riconducibile a condotte imprudenti, non risulta un equivalente accanimento nei confronti di chi deve riparare il danno con un giusto risarcimento. Ancora una volta – continua Polato – Governo e Parlamento non hanno inteso dedicare un solo articolo che garantisse alle vittime ed ai loro famigliari un adeguato e tempestivo risarcimento, lasciando così mano libera alle Compagnie di assicurazione, che potranno continuare a beneficiare dei tempi infiniti della malagiustizia italiana. E’ stata persa un’occasione – conclude Polato – per dare certezze e tempistiche inderogabili entro le quali i risarcimenti dovrebbero essere liquidati, stabilendo contemporaneamente pesanti sanzioni alle compagnie di assicurazione inadempienti”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here