Bellavista, Braceria-Pizzeria a Silvi

1241

Tutto ha un inizio ed è giusto che abbia una fine. Il 25 maggio 2017 è morto ufficialmente il Bellavista di Spoltore ed è nato il Bellavista di Silvi. A Laila e Franco, storici proprietari, si sono aggiunti Simona e Corrado (moglie e marito), due belle persone che devo confessarvi, a me piacciono molto. Due famiglie alla guida del Bellavista. Due mondi differenti ma non distanti.

Andiamo alla recensione del locale e delle sue proposte.

Bella la location. Accoglienza semplice e sincera. Staff gentile e cordiale.

Interessante la proposta di pizze, una delle novità del Bellavista, sapientemente preparate (lievitate 24 ore) e cotte nel fogno a legna, da un bravo pizzaiolo, che sa il fatto suo ed utilizza materie di prima scelta.

La seconda novità è la proposta di carne: costate di scottona, entrecotte di angus argentino, filetto, chek roll scozzese, cube roll e molto altro veramente di altissima qualità e dal prezzo perfettamente equilibrato. La carne viene selezionata e lavorata da Corrado, che ha un’esperienza decennale come macellaio. Assolutamente da non perdere gli arrosticini fatti a mano da Corrado, delicatissimi, un burro.

Buona la nuova proposta degli antipasti e dei primi piatti.

Ottima la scelta di vini, con la possibilità di optare anche per cantine di alta fascia.

Il Bellavista si presenta ai clienti con un’ampia scelta e quindi si può mangiare bene a costi contenuti tra i 18/22 euro oppure per i più esigenti spendere puntando sui tagli di carne alla brace.

 

 

 

SHARE
Previous article16° edizione di “Moda all’Ombra del Vesuvio”: i vincitori
Next articleJayne Mansfield: la Hollywood maledetta…
Gianni Leone, fondatore
Essere antipatico è una vocazione. Non pretendo di dire la “verità” ma almeno limito le “stronzate” cosa che non riesce alla maggior parte degli “Italioti”… Ho sentito una chiamata… come una voce… quasi una visione mistica, prendere vita dal fango dei pensieri altrui, dall’idiozia “melmosa” e collettiva, dalla superficialità dei vuoti a perdere, dall’indifferenza dei molti, dall’apparente ed insignificante “sensibilità” dei frequentatori dei social, dalle battaglie fatte dietro uno schermo e con un click… HO deciso di scrivere una rubrica, cattiva, anzi cattivissima ed antipatica: GLI ITALIOTI...E ALTRI "IOTI"... Non vi preoccupate sputo su tutti, compreso me stesso… nessuna distinzione…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here