Romanzo epistolare

695

Il romanzo epistolare è un romanzo formato da lettere che possono essere di due o più personaggi combinate in modo da far pervenire al lettore i diversi punti di vista sugli avvenimenti raccontati, usando a volte stile diverso in base al livello culturale e sociale che viene attribuito ai mittenti. Altre volte si tratta di lettere di un solo personaggio che l’autore immagina essere state ritrovate per caso o inviate direttamente a lui o all’editore. La vicenda si può desumere dal succedersi delle varie lettere, ma possono anche esserci interventi dell’autore stesso o curatore per dare spiegazioni sui punti poco chiari, per collegare tra loro le lettere, per chiarire i collegamenti o raccontare quanto successo tra una lettera e l’altra.

Fanno da modelli al romanzo epistolare alcuni testi classici dal carattere poetico scritti in forma di lettere come le Heroides di Ovidio, una serie di lettere d’amore che l’autore attribuisce ad amanti appartenenti alla mitologia, ma soprattutto il diffondersi delle raccolte di libri di lettere nel Cinquecento.

Si deve alla produzione cinquecentesca un abbozzo di romanzo epistolare pubblicato a Venezia nel 1563 dal titolo “Lettere amorose di due nobilissimi intelletti di Alvisio Pasqualigo”.

Alcuni tra i più famosi romanzi epistolari:

1740: Pamela, o la virtù premiata di Samuel Richardson
1748: Clarissa di Samuel Richardson
1761: Giulia o la nuova Eloisa di Jean-Jacques Rousseau
1774: I dolori del giovane Werther di Goethe
1775-1781: Le relazioni pericolose di Pierre-Ambroise-François Choderlos de Laclos
1798: Ultime lettere di Jacopo Ortis di Ugo Foscolo
1818: Frankenstein ovvero il moderno prometeo di Mary Shelley
1846: Povera gente di Fëdor Dostoevskij
1848: La signora di Wildfell Hall di Anne Brontë
1869: Storia di una capinera di Giovanni Verga
1897: Dracula di Bram Stoker
1938: Destinatario sconosciuto di Katherine Kressmann Taylor
1941: Lettere di una novizia di Guido Piovene
1985: Il colore viola di Alice Walker
1999: Ragazzo da parete di Stephen Chbosky
1999: Che tu sia per me il coltello di David Grossman

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here