La bolletta a 28 giorni costa cara agli operatori di tlc. L’Agcom ha deciso di multare Vodafone, Tim, Wind Tre e Fastweb con il massimo della sanzione prevista, pari a 1,16 milioni di euro ciascuno. Una decisione che era nell’aria, visto che già qualche mese fa l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni aveva avvertito gli operatori sul rischio di sanzioni per non aver rispettato i dettami espressi dalla stessa Authority nel marzo scorso. La decisione delle compagnie telefoniche di fatturare non più mensilmente, a 30 giorni, ma settimanalmente, quindi a 28 giorni, ha infatti portato l’Agcom ad intervenire già in primavera a tutela degli utenti con un’apposita delibera in materia di cadenza di rinnovo delle offerte e di fatturazione dei servizi, relativamente alla telefonia fissa e alle offerte convergenti fisso-mobile. Proprio la mancata osservanza di questa delibera ha fatto scattare la sanzione dell’Agcom, il cui Consiglio, nella riunione di ieri, ha deliberato – su proposta del relatore Francesco Posteraro – di irrogare agli operatori Tim, Vodafone, Wind Tre e Fastweb, la sanzione massima prevista dalla legge. L’Autorità ha anche emanato apposite linee guida sulla propria attività di vigilanza dell’attuazione, da parte degli operatori, delle disposizioni in materia previste dal dl fisco. La fatturazione a 28 giorni è finita infatti nei mesi scorsi anche nel mirino del Governo che con il decreto fiscale ha di fatto bloccato questa pratica riportando la fatturazione su base mensile per telefoni e pay-tv, con l’esclusione di promozioni non rinnovabili o inferiori al mese. Un divieto che però gli operatori avrebbero iniziato ad aggirare decidendo un aumento delle tariffe. Tim sta infatti comunicando, attraverso il metodo della modifica unilaterale del contratto, un aumento delle tariffe dell’8,6%. Dall’operazione “28 giorni”, gli operatori avrebbero incassato qualcosa come 2 miliardi di euro.

fonte aduc

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here