Alchechengi

698

Nascosto da un calice di foglie che ricordano la carta velina, troviamo questo frutto autunnale ricco di vitamina C, utilizzato dai nostri antenati come depurativo naturale. L’alchechengi assomiglia esteticamente a un piccolo pomodoro, al tatto untuoso e dai toni oro e gialli. Il Physalis alkekengi, meglio conosciuto come alchechengi, è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Solanaceae. Resiste molto bene anche ai freddi più intensi e per tanto, può essere coltivata anche in vaso durante le stagioni fredde. Oltre che abbellire il vostro giardino o balcone, sarà per voi una fonte continua di frutti dalle immense proprietà benefiche. Si può reperire facilmente nella maggior parte delle regioni italiane. Il sapore leggermente agrumato è davvero irresistibile. Di tutta la pianta, solo il frutto grande quanto una ciliegia è commestibile.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here