Bruno Todeschini

Nato a Couvet, Todeschini trascorre l’infanzia a Marin-Epagnier. Dopo gli studi all’École supérieure d’art dramatique di Ginevra, si unisce a una compagnia teatrale di Nanterre e comincia a muovere i primi passi nel panorama recitativo francese.
Dalla metà degli anni ottanta prende parte a diverse produzioni cinematografiche. Nel 1992 ottiene un importante ruolo nel film La Sentinelle di Arnaud Desplechin, che lo consacra come interprete del cinema d’autore. Negli anni successivi prende comunque parte anche a film più popolari e a varie fiction televisive, oltre a proseguire nell’impegno teatrale.
Nel 2003 interpreta il protagonista della pellicola Son frère, ruolo che gli vale la candidatura come migliore attore al Premio César e agli European Film Awards, oltre a fargli vincere il Premio Lumière per il miglior attore.
Todeschini parla correntemente il francese e l’italiano.

Filmografia
• Le caviar rouge, regia di Robert Hossein (1986)
• Hôtel de France, regia di Patrice Chéreau (1987)
• L’Amoureuse, regia di Jacques Doillon (1987)
• Outremer, regia di Brigitte Roüan (1990)
• Rien que des mensonges, regia di Paule Muret (1991)
• Sans un cri, regia di Jeanne Labrune (1992)
• La Sentinelle, regia di Arnaud Desplechin (1992)
• Mensonge, regia di François Margolin (1992)
• Ma saison préférée, regia di André Téchiné (1992)
• Le nombril du monde, regia di Ariel Zeitoun (1993)
• Fanfan, regia di Alexandre Jardin (1993)
• Couples et amants, regia di John Lvoff (1993)
• La regina Margot (La Reine Margot), regia di Patrice Chéreau (1994)
• Petits arrangements avec les morts, regia di Pascale Ferran (1994)
• À cran, regia di Solange Martin (1994)
• Alto basso fragile (Haut bas fragile), regia di Jacques Rivette (1995)
• Arance amare (Oranges amères), regia di Michel Such (1996)
• Territorio comanche, regia di Gerardo Herrero (1997)
• Ceux qui m’aiment prendront le train, regia di Patrice Chéreau (1998)
• Civilisées, regia di Randa Chahal Sabbag (1999)
• Storie (Code inconnu), regia di Michel Haneke (2000)
• Quand on sera grand, regia di Renaud Cohen (2000)
• Le Libertin, regia di Gabriel Aghion (2000)
• Chi lo sa? (Va savoir), regia di Jacques Rivette (2001)
• Une affaire privée – Una questione privata, regia di Guillaume Nicloux (2002)
• Une employée modèle, regia di Jacques Otmezguine (2002)
• Pelle d’angelo (Peau d’ange), regia di Vincent Pérez (2002)
• Son frère, regia di Patrice Chéreau (2003)
• Agents secrets, regia di Frédéric Schoendoerffer (2004)
• Le Dernier Jour, regia di Rodolphe Marconi (2004)
• Une aventure, regia di Xavier Giannoli (2005)
• Cavalcade, regia di Steve Suissa (2005)
• La petite Jérusalem, regia di Karin Albou (2005)
• Gentille, regia di Sophie Fillières (2005)
• Un couple parfait, regia di Nobuhiro Suwa (2005)
• 7 ans, regia di Jean-Pascal Hattu (2006)
• Une journée, regia di Jacob Berger (2006)
• Nessuna qualità agli eroi, regia di Paolo Franchi (2007)
• Le bruit des gens autour, regia di Diastème (2008)
• Unspoken, regia di Fien Troch (2008)
• Nuit de chien, regia di Werner Schroeter (2008)
• Sois sage, regia di Juliette Garcias (2009)
• Lourdes, regia di Jessica Hausner (2009)
• Orly, regia di Angela Schanelec (2010)
• Ma compagne de nuit, regia di Isabelle Brocard (2011)
• Switch, regia di Frédéric Schœndœrffer (2011)
• La délicatesse, regia di Stéphane e David Foenkinos (2011)
• L’oiseau, regia di Yves Caumon (2012)
• Au cas où je n’aurais pas la palme d’or, regia di Renaud Cohen (2012)
• Le nez dans le ruisseau, regia di Christophe Chevalier (2012)
• Papa Lumière, regia di Ada Loueilh (2013)
• French Connection (La French), regia di Cédric Jimenez (2014)
• Sette Giorni, regia di Rolando Colla (2016)
• Il complicato mondo di Nathalie (Jalouse), di David Foenkinos e Stéphane Foenkinos (2017)