Karin Viard

Figlia del direttore di una piattaforma petrolifera, Karin Viard trascorre un’adolescenza travagliata anche a causa del divorzio dei genitori, avvenuto quando Viard aveva 4 anni.
Cresciuta dai nonni materni che la avvicinano al teatro, Viard matura presto la passione per la recitazione.
A 17 anni decide di trasferirsi a Parigi dove seguirà i corsi di recitazione di Vera Gregh di Blanche Salant. Inizia così a muovere i primi passi nel teatro prendendo parte a ruoli comici in piccoli spettacoli teatrali e recitando in cortometraggi. Dopo alcune apparizioni televisive nella serie Il commissario Maigret, ottiene il primo ruolo cinematografico in Zia Angelina di Étienne Chatiliez, ma il successo arriverà con Délicatessen di Jean-Pierre Jeunet. Da questo momento Viard inizierà a collaborare con alcuni trai i più importanti registi francesi come Nicole Garcia, Catherine Corsini e Philippe Harel fino alla consacrazione definitiva di stella del cinema d’autore grazie alla sua interpretazione in Haut les coeurs!, che le varrà, nel 1994, il Premio César alla migliore interpretazione femminile.
Attrice ormai affermata e sempre più richiesta, Viard può permettersi di scegliere di collaborare solo con i migliori registi anche se le parti offerte sono quelle di ruoli secondari. Inizia così a lavorare con François Ozon in Potiche, in Polisse di Maiwenn e con Cédric Klapsich in Paris e Ma part du gâteau. Viene nominata tre volte ai Premi César per la migliore interpretazione femminile tra cui quella memorabile in La famiglia Belier.
Grazie alla sua incredibile versatilità, che le permette di interpretare ruoli molto diversi tra loro e per la sua attitudine a rendersi immediatamente riconoscibile e accessibile allo spettatore, viene spesso paragonata a Meryl Streep.

Filmografia
• Zia Angelina (Tatie Danielle), regia di Étienne Chatiliez (1990)
• Delicatessen, regia di Jean-Pierre Jeunet e Marc Caro (1991)
• Max et Jérémie, regia di Claire Devers (1992)
• Riens du tout, regia di Cédric Klapisch (1992)
• Ce que femme veut…, regia di Gérard Jumel (1993)
• La nage indienne, regia di Xavier Durringer (1993)
• Emmène-moi, regia di Michel Spinosa (1994)
• La séparation, regia di Christian Vincent (1994)
• Le fils préféré – Ospiti pericolosi (Le fils préféré), regia di Nicole Garcia (1994)
• L’odio (La Haine), regia di Mathieu Kassovitz (1995)
• Fast, regia di Dante Desarthe (1995)
• Adultère, mode d’emploi, regia di Christine Pascal (1995)
• Le journal du séducteur, regia di Danièle Dubroux (1996)
• Les Victimes, regia di Patrick Grandperret (1996)
• Fourbi, regia di Alain Tanner (1996)
• Trekking (Les Randonneurs), regia di Philippe Harel (1997)
• Je ne vois pas ce qu’on me trouve, regia di Christian Vincent (1997)
• La nouvelle Eve – Una relazione al femminile (La Nouvelle Eve), regia di Catherine Corsini (1999)
• Mes amis, regia di Michel Hazanavicius (1999)
• I figli del secolo (Les Enfants du siècle), regia di Diane Kurys (1999)
• Haut les cœurs!, regia di Sólveig Anspach (1999)
• La parenthèse enchantée, regia di Michel Spinosa (2000)
• A Child’s Game (Un jeu d’enfants), regia di Laurent Tuel (2001)
• A tempo pieno (L’emploi du temps), regia di Laurent Cantet (2001)
• Regine per un giorno (Reines d’un jour), regia di Marion Vernoux (2001)
• Baciate chi vi pare (Embrassez qui vous voudrez), regia di Michel Blanc (2002)
• France Boutique, regia di Tonie Marshall (2003)
• Le rôle de sa vie, regia di François Favrat (2004)
• Je suis un assassin, regia di Thomas Vincent (2004)
• L’ex-femme de ma vie, regia di Josiane Balasko (2004)
• Cacciatore di teste (Le Couperet), regia di Costa-Gavras (2005)
• L’enfer, regia di Danis Tanović (2005)
• Les enfants, regia di Christian Vincent (2005)
• Les ambitieux, regia di Catherine Corsini (2006)
• La tête de maman, regia di Carine Tardieu (2007)
• La face cachée, regia di Bernard Campan (2007)
• La vérité ou presque, regia di Sam Karmann (2007)
• Parigi (Paris), regia di Cédric Klapisch (2008)
• Les randonneurs à Saint-Tropez, regia di Philippe Harel (2008)
• Baby Blues, regia di Diane Bertrand (2008)
• Le code a changé, regia di Danièle Thompson (2009)
• Les derniers jours du monde, regia di Arnaud e Jean-Marie Larrieu (2009)
• Le bal des actrices, regia di Maiwenn Le Besco (2009)
• Les invités de mon père, regia di Anne Le Ny (2010)
• Potiche – La bella statuina (Potiche), regia di François Ozon (2010)
• Ma part du gâteau, regia di Cédric Klapisch (2011)
• Niente da dichiarare? (Rien à déclarer), regia di Dany Boon (2011)
• Polisse, regia di Maïwenn Le Besco (2011)
• La moglie del cuoco (On a failli être amies), regia di Anne Le Ny (2014)
• La famiglia Bélier (La famille Bélier), regia di Éric Lartigau (2014)
• Belles familles, regia di Jean-Paul Rappeneau (2015)
• Benvenuti… ma non troppo (Le grand partage), regia di Alexandra Leclère (2015)
• Lolo – Giù le mani da mia madre (Lolo), regia di Julie Delpy (2015)
• Il complicato mondo di Nathalie (Jalouse), di David Foenkinos e Stéphane Foenkinos (2017)