The Old Man & the Gun. SISSY SPACEK: JEWEL

Sissy Spacek and Robert Redford in the film THE OLD MAN & THE GUN. Photo by Eric Zachanowich © 2018 Twentieth Century Fox Film Corporation All Rights Reserved

Il vero Forrest Tucker si è sposato tre volte, ma solo la sua ultima moglie si è resa conto di chi era veramente. Nella sceneggiatura Lowery ha inserito una versione semi-romanzata del personaggio di Jewel, chiedendosi perché una vedova fieramente indipendente avesse scelto di passare la vita con un rapinatore di banche che ancora sognava di mettere a segno il colpo perfetto.

Il regista ha pensato subito all’apprezzatissima Sissy Spacek per Jewel, e non ha più cambiato idea. “A un certo punto ho avuto bisogno di capire meglio il personaggio e mi sono ritrovato a pensare a Sissy. Mi è sempre piaciuta e ho deciso di rischiare e di scrivere una parte fantastica su misura per lei. Sono davvero felice che abbia accettato, non so che cosa avrei fatto se avesse detto di no. Adesso voglio fare un milione di altri film con lei.”

La Spacek, che ha ricevuto sei nomination agli Oscar e ha conquistato la statuetta per il ruolo di Loretta Lynn ne La ragazza di Nashville, ha recitato in alcuni dei film più evocativi del cinema americano, creando spesso dei personaggi che rompevano gli schemi. I suoi ruoli più memorabili vanno dalla forza telecinetica della leggendaria rabbia adolescenziale di Carrie – Lo sguardo di Satana di Brian De Palma, alla ragazza di provincia che segue il suo fidanzato in una carneficina in La rabbia giovane di Terrence Malick, alla moglie determinata a ritrovare il marito in Missing – Scomparso di Costa-Gavras. La Spacek ha poi indossato i panni di una contadina che lotta per conservare la terra della sua famiglia ne Il fiume dell’ira, la sorella che ha ucciso il proprio marito in Crimini del cuore e una madre protettiva che affronta la tragedia nel film In The Bedroom.

Il ruolo di Jewel l’ha portata ancora una volta in un terreno inesplorato. La Spacek si è trovata a voler scavare a fondo nell’improbabile legame tra Forrest e Jewel, cercando di capire come due persone che sembrano formare una coppia inverosimile riescano in realtà a essere perfettamente in sintonia a un livello più profondo, perché entrambi stanno ancora tentando di ricavare qualcosa dalla vita.

“Jewel stava bene da sola. I figli erano cresciuti e se n’erano andati di casa. Il marito era morto e lei viveva in un ranch con tutti i suoi animali. Era molto legata alla sua terra ed era l’opposto di Forrest. Lui andava ovunque lo portasse il vento, come aveva sempre fatto” osserva la Spacek. “Ma Jewel aveva radici profonde e per lei il rapporto con le persone e con gli animali era tutto.”

In quel contesto, per Jewel la decisione di accettare la corte di Forrest è soprattutto un gradito salto nel vuoto. “Jewel si trovava in una fase della vita in cui si era resa conto che forse era ora di fare quello che voleva” racconta la Spacek. “Dicendo di sì a Forrest, in realtà diceva di sì alla vita. Ha potuto farlo perché era già così indipendente e non aveva davvero bisogno di nessuno che si occupasse di lei.”

Per la Spacek non è stato certamente difficile mostrare l’attrazione magnetica di Jewel nei confronti di Forrest, dato che era Redford a interpretare il fuorilegge. “Certo, era un criminale, ma era anche terribilmente affascinante” riflette l’attrice. “Un intellettuale e un gentiluomo. E sì, anche un ladro. Ma lui e Jewel si divertivano un sacco e avevano un modo dolce, goffo e divertente di stare insieme, come due ragazzini.”

Forrest Tucker sapeva di essere stato fortunato a incontrare una donna che si era innamorata di lui e che accettava il fatto che fosse un ricercato. Dice Redford del personaggio di Jewel: “Sapeva chi era Forrest ed era a conoscenza delle sue terribili attività, e tuttavia lo sosteneva. Non apprezzava particolarmente il mestiere di Forrest, ma amava il marito come persona. E gli è rimasta accanto tutte le volte che è stato arrestato, cosa che deve aver avuto un enorme impatto su di lui. Forrest sapeva che lei lo amava davvero.”

Secondo la Ostroff, l’alchimia tra Redford e la Spacek è stata palpabile sin dal primo giorno. “L’energia tra Bob e Sissy è bellissima perché deriva non deriva da ciò che si dicono. Si sente che le loro anime si nutrono l’una dell’altra, in modi molto diversi. Penso che sia un rapporto molto insolito in un film, perché riguarda quello che si percepisce al di là delle parole.”

La Spacek, Redford e Lowery hanno discusso a lungo sui personaggi e hanno tirato fuori ogni minimo dettaglio del rapporto tra i due nei giorni tranquilli tra una rapina e l’altra. “Abbiamo parlato molto della loro relazione” dice Lowery “sia separatamente, sia tutti insieme; quando avevo già le mie idee, chiedevo sempre il loro punto di vista. Ho imparato molto da tutti e due.”

Per quanto bello fosse il loro rapporto, Forrest e Jewel sapevano che era solo questione di tempo prima che Forrest venisse arrestato di nuovo. Per Jewel era una realtà agrodolce, ma la Spacek comprende che la donna abbia voluto accettare il rischio. “Penso che sapesse che Forrest non riusciva a fermarsi, anche se una parte di lui lo avrebbe voluto” osserva l’attrice. “Era il suo mestiere. Gli riusciva bene, ma allo stesso tempo era anche una sorta di droga per lui. Penso che anche Jewel capisse che l’unico motivo per cui Forrest rapinava banche era per l’emozione di sapere che ne era in grado.”

La performance di Redford ha reso questo aspetto ancora più reale, aumentando l’effetto comico, ma anche la tragica impossibilità del loro amore. La Spacek era felice di poter finalmente lavorare con Redford. Lo aveva incontrato per la prima volta quando era agli esordi ed era nervosissima. “So che lui non si ricorda di quell’incontro, ma io sì. Lui era già una grande star. Quando me l’hanno presentato, ero talmente agitata che l’ho chiamato “Bobert”. Ero mortificata” ride la Spacek.

L’attrice ha seguito l’evoluzione della carriera di Redford sui vari fronti. “Ha recitato in tantissimi film e ne ha diretti mille altri. È una persona incredibile. Ha fatto anche cose grandissime per i registi indipendenti, quindi il suo contributo al cinema è stato davvero immenso” commenta.

A proposito di quello che Jewel fa per Forrest, la Spacek osserva: “Penso che gli abbia dato un posto dove andare, dove fermarsi e riposare le sue stanche ossa, anche se solo per un momento, ed è stata una buona amica per lui. Forrest era bravissimo a rapinare banche, ma io mi domando come sarebbe stata la sua vita se avesse fatto qualcosa di diverso.” Era una persona talmente adorabile che avrebbe potuto aver successo in qualunque altro ambito, e allora forse lui e Jewel avrebbe potuto cavalcare insieme verso il tramonto.”