Processo breve: Alfano tarocca i numeri. Prescritti oltre il 2% dei processi

206

“I dati sulla nano-prescrizione che ieri il ministro della Giustizia Alfano ha fornito all’Aula sono taroccati. Se, infatti, teniamo conto che, dei 125mila processi prescritti nel 2009, come ha detto il ministro, il 55 per cento si riferisce ad incensurati, i procedimenti che andranno a cadere, grazie a questa norma barzelletta, saranno circa 68.750: quindi oltre il  2% dei 3.290.000 giudizi penali pendenti e non lo 0,2% indicato dal ministro. La matematica non è un’opinione” lo ha dichiarato, l’on. Carlo Monai, deputato di Italia dei Valori, durante il dibattito in Aula.

“Con la nuova legge sulla prescrizione brevissima,  i tempi di estinzione dei reati per gli incensurati in primo grado si accorceranno, in media, di un anno, ed è logico aspettarsi allora un numero doppio di processi estinti rispetto a quello storico, che si prescriveranno all’entrata in vigore della “nanoprescrizione” voluta dal premier” ha aggiunto Monai.

“La conseguenza sarà, come ha denunciato anche il Csm, che avremo una sorta di amnistia per oltre 68.000 processi penali in più, per  il 2% dei giudizi in corso, in cui le vittime dei reati non otterranno giustizia ma dovranno anche sopportare le spese sostenute per essersi costituite parte civile” conclude Monai.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here