Cambogia: vietato protestare in difesa della foresta

288

Gli abitanti di un villaggio cambogiano che si battono per salvare la loro foresta dall’invasione delle piantagioni di gomma, sono stati censurati dal governo locale. Le autorità locali hanno impedito ai 400 abitanti del villaggio cambogiano di protestare presso la sede della dell’impresa vietnamita CRCK, che ha ottenuto una concessione per piantare gomma abbattendo a zero la foresta primaria, che assicura al villaggio i mezzi di sussistenza. Le autorità hanno dichiarato di temere violenze. Ma il rappresentante del villaggio, Chheang Vuthy, ha dato al Cambodia Daily una versione diversa: “Gli abitanti del villaggio non avevano alcuna intenzione violenta. L’impresa però non deve abbattere la loro foresta, anche se ha ottenuto dal governo una licenza, perché questa foresta rappresenta il a mezzo di sostentamento della popolazione”.
Il governo cambogiano ha rilasciato all’impresa produttrice di gomma una concessione su oltre 6.000 ettari della foresta di Prey Lang.

La foresta di Prey Lang si estende su 200.000 ettari, tra il Mekong e Stung Sen. Quasi metà della foresta è ancora intatta, un’incredibile rarità nel Sud-est asiatico. Tigri, elefanti asiatici, banteng, gaur, e orsi neri asiatici sono tutti ancora presenti a Prey Lang. In tutto, vi vivono tra 26 e 50 specie di mammiferi, uccelli o rettili in via di estinzione. Ma le autorità provinciali hanno ribattezzato Land Prey ‘foresta noiosa’.

Una parte di foresta di Prey Lang come visto da Google Earth. Il fiume Mekong è a est (lato destro dell’immagine).

Oltre che alla sua fauna, questa foresta assicura risorse vitali a un quarto di milione di persone,
In una conferenza stampa tenuta da un gruppo composto da oltre 100 organizzazioni non governative locali, gli abitanti del villaggio hanno detto che le autorità stanno praticando l’intimidazione per fermare le proteste, e hanno richiesto alla polizia di raccogliere i nomi delle persone più attive nella protesta: “[La polizia] ha cercato di trovare tutti modi per minacciarci, ma abbiamo protestato ugualmente, per salvare la foresta di Prey Lang,” ha detto il Chheang Vuthy al Phnom Penh Post. Governatore del distretto di Sandan, Sim Vanna, ha negato di essere a conoscenza del fatto che la polizia  abbia avuto l’incarico di raccogliere i nomi degli abitanti dei villaggi.

Le autorità locali dicono che la concessione forestale non si trova in terreni demaniali, e quindi si tratta di un’area destinata allo sviluppo. Ma i manifestanti dicono le imprese coinvolte non si sono comportate in modo corretto: “La foresta è abbattuta con i bulldozer senza che sia stato realizzata la necessaria valutazione di impatto ambientale, – spiega Chet Ton, un attivista di una associazione locale, ha detto al Cambodia Daily – e le imprese cercano di nascondere [informazioni].”
Il deputato nazionale Son Chhay si è appellato al Presidente dell’Assemblea Nazionale Heng Samrin affinché aiuti gli abitanti dei villaggi: “Mi appello a Lei, in qualità di Presidente dell’Assemblea Nazionale, affinché utilizzi il potere  legislativo per interrompere la distruzione  delle foreste Khmer da parte di imprese vietnamite, al fine di preservare ciò che resta della foresta per le prossime generazioni”.

Cambogia sta vivendo un boom di gomma dopo che la vietnamita Rubber Enterprise Federation (VREF) ha investito 600 milioni di dollari. Alla VREF sono stati assegnati 100.000 ettari nel 2009 e si prevede che ne otterrà altri 70.000 entro il 2012, secondo quanto riferisce il Phnom Penh Post.

Tuttavia, il Primo Ministro della Cambogia, Hun Sen, ha messo unn guardia contro gli eccessi nelle piantagioni di gomma: “La gomma è a un buon prezzo, ma è [sbagliato] per noi ad abbattere gli alberi alti alla gomma vegetale –  ha detto agli studenti universitari – Possiamo proteggere la foresta per mitigare il cambiamento climatico”. Bel discorso. Peccato che lo stesso Primo Ministro ha recentemente firmato oltre 9.000 ettari di foresta nel mezzo del parco nazionale di Vereak Chey per la conversione in piantagioni di gomma malgrado si tratti di una zona protetta.

Fonte: http://www.salvaleforeste.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here