Oxi: panico per la nuova droga sei volte piu’ forte della cocaina

Una nuova droga, la oxi, sta creando panico in Brasile. In poco tempo, la nuova sostanza, che assomiglia al crack, ma molto piu’ pericolosa e quattro volte piu’ economica, si e’ diffusa in mezzo Paese. E’ gia’ utilizzata in tutti gli Stati del nord, in Guaiana, Mato Grosso do Sul, Brasilia, e alcuni Stati del nordest ed e’ arrivata fino a Sao Paulo.
Le autorita’ sanitarie sono sull’allerta. La oxi, sei volte piu’ forte della cocaina, e’ gia’ un problema che preoccupa un Paese che annovera piu’ di 600.000 tossicodipendenti, un problema che e’ stato al centro della scorsa campagna elettorale presidenziale.
La oxi e’ cosi’ forte che chi la usa quotidianamente non vive piu’ di un anno, dice Alvaro Ramos, presidente della ONG Reduccion de Danos dello Stato di Acre, dove questa droga, proveniente da Bolivia e Peru’, si e’ molto diffusa e successivamente si e’ estesa negli altri Stati. Secondo Ramos, le persone che fanno uso di oxi passano giorni interi senza mangiare e dormire con conseguente degrado del proprio corpo. Allo stato dei fatti non c’e’ nessuno studio scientifico su questa droga.
Chi usa la oxi sostiene che crack e cocaina sono roiba da principianti. Si tratta di una droga prodotta da una miscela con base di cocaina, benzina o diesel, calce vergine, acetone, permanganato di potassio e liquido estratto da batterie elettriche. Si fuma in pipa o si assume anche in altro modo. Chi la consuma sostiene che bastano venti secondi per sentirsi in ecstasi e cinque minuti dopo si e’ in grado di usarla nuovamente.
E’ una droga che nasce come popolare tra i poveri della zona amazzonica ma si e’ estesa alle classi medie delle citta’. Le persone subiscono un degrado, vagando per le strade di notte, senza poter parlare e possono stare diversi mesi senza smettere di usarla. Tutti gli intervistati, alcuni in cura di disintossicazione, sostengono che e’ molto difficile abbandonare la oxi a favore di altre droghe, perche’ si e’ attratti da essa sia durante il giorno che la notte, situazione che ti impedisce di dormire e che ti porta a non dare importanza se vivere o morire.
Questa droga si produce in Brasile, in case abbandonate, in laboratori casalinghi e improvvisati. La Polizia si sta impegnando per scoprire la sua rotta di commercio internazionale.

fonte aduc