Airbank ha creato un innovativo prodotto che contribuirà ad abbattere l’impatto ambientale derivante dall’utilizzo di detersivi per la pulizia delle superfici lavabili.
Waterless, questo il nome registrato, permetterà di lavare ogni tipo di materiale, dalle carrozzerie delle auto ai pannelli fotovoltaici, senza dover utilizzare l’acqua.
Il prodotto garantirà anche l’abbattimento dell’impatto derivante dall’utilizzo di detersivi chimici, in quanto è interamente composto di elementi naturali e biodegradabili al 100% come estratti di erbe e acidi naturali.
Grazie a queste determinanti caratteristiche, sarà possibile evitare lo spreco di grandi quantità d’acqua solitamente utilizzate per queste operazioni e soprattutto la dispersione di tensioattivi e residui chimici contenuti nei normali detergenti in commercio.
Per il suo utilizzo, sarà sufficiente spruzzarlo sulla superficie scelta e successivamente passarvi sopra un panno in microfibra appena umido.

Il prodotto è stato reso disponibile per la vendita sul sito ufficiale dell’azienda www.airbank.it, da cui sarà possibile richiedere una quotazione per poi effettuare l’ordine.

“Non potevamo che scegliere questo nome per un prodotto che non ha eguali sul mercato” ha dichiarato Gloria Mazzoni, General Manager di Airbank. “Senza rinunciare alle prestazioni, Waterless difende l’Ambiente evitando l’immissione in natura dei residui chimici e lo spreco di enormi quantità d’acqua solitamente utilizzate per il lavaggio di flotte aziendali, imbarcazioni o qualsiasi altra superficie lavabile industriale. Inoltre è completamente naturale e biodegradabile, e questo lo rende un prodotto interessantissimo sotto ogni punto di vista, anche quello puramente economico. Siamo sicuri che questa sarà una vera rivoluzione”.

Airbank è l’azienda leader in Italia nel settore dell’antinquinamento e della sicurezza ambientale, ma soprattutto un’azienda a bassissimo impatto ambientale. Grazie al suo impianto fotovoltaico, infatti, nell’ultimo anno ha evitato l’emissione di oltre 72 tonnellate di CO2 nell’atmosfera.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here