Basta persecuzioni a Sumatra

175

Friends of the EarthIl 29 gennaio 2013, la polizia indonesiana ha arrestato senza motivo il direttore di Friends of the Earth nella regione di Sumatra meridionale. Anwar Sadt è stato aggredito, picchiato e trattenuto in arresto mentre aiutava i contadini del villaggio di Betung villaggio (Distretto di Lubuk Keliat, Ogan Ilir) che lamentavano arresti illegali e vandalismi da parte della polizia verificatisi nei giorni precedenti. I contadini chiedevano anche indagini sull’uccisione di un ragazzo di 12 anni da parte della polizia, nel corso di una protesta contro la piantagione di canna da zucchero. La protesta pacifica dei contadini è stata però aggredita dalle forze di polizia, e il direttore di Walhi (Friends of the Earth) è stato arrestato e picchiato assieme ad altre 25 persone.

La piantagione di canna da zucchero, controllata dall’impresa statale PTPN, è in conflitto ormai da anni con le popolazioni locali, avendo sloggiato ben 22 villaggi dal 1982 ad oggi. Gli sgombri sono stati eseguiti con particolare brutalità dalla polizia locale, e i contadini non hanno visto compensi adeguati per la perdita delle loro terre e delle loro case.

Non era la prima volta che gente del villaggio ha subito intimidazioni, e per esempio già nel 2009 un contadino era stato ucciso dalla Brigata Mobile della polizia. La stessa forza è stata sanguinosamente coinvolta nell’incidente dello scorso anno, quando ha sparato sulla folla ferendo tre donne e uccidendo un ragazzo.

Walhi richiede i firmare la petizione per fermare le violenze contro i contadini e la persecuzione verso le associazioni ambientaliste: http://www.change.org/ReleaseAnwar

SHARE
Previous articleUn Re degli Alberi a Taiwan
Next articleI segreti dei Cinque Cicloni
Redazione

Un gruppo di “matti”, con la voglia di informare e divertirsi…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here