Al Festival di Berlino: “Quando l’Italia mangiava in bianco e nero” di Andrea Gropplero

QUANDO L'ITALIA -  TOTO' ZUPPA DI PESCEQuando l’Italia mangiava in bianco e nero, film breve di repertorio di Andrea Gropplero di Troppenburg, prodotto da Istituto Luce-Cinecittà, è presente al Festival di Berlino nella sezione speciale Culinary Cinema, dedicata al cibo nelle sue diverse declinazioni.

Quando l’Italia mangiava in bianco e nero è un viaggio documentato e sorridente nella storia e nella filosofia concreta di un’eccellenza mondiale: la cucina italiana.

Energia, convivialità, tradizione e sperimentazione. Ma anche educazione, emancipazione, e su tutto una ricetta per il buon vivere.

QUANDO L'ITALIA - 1Attraverso rare immagini del grande Archivio dell’Istituto Luce, un rapido e gustoso reportage tra piatti, cucine, testimonianze e gag di personalità dello spettacolo e della cultura. E una riflessione estemporanea sui cambiamenti negli ultimi 90 anni del concetto di alimentazione, sulla territorialità, sull’energia prodotta dal buon cibo. Con uno sguardo sui mutamenti stessi del Paese visti attraverso un osservatorio inusuale: la buona tavola.

Quando l’Italia mangiava in bianco e neroRegia Andrea Gropplero di Troppenburg Montaggio Patrizia Penzo Produzione esecutiva Maura Cosenza

[jwplayer mediaid=”124248″]

Prodotto e distribuito da Istituto Luce-Cinecittà

Andrea Gropplero di Troppenburg, (Udine, 1963). Regista, sceneggiatore e produttore di lungometraggi, corti, film documentari. Fondatore della Pidgin, casa di produzione indipendente bolognese. Ha co-prodotto, tra gli altri, Rostropovich Visneskaya Elegia di Alexander Sokurov, e Mary di Abel Ferrara.

Si trasferisce a Roma nel 2009 dove attualmente vive e lavora.