Gli iscritti a Facebook bersagliano le pagine tematiche dedicate al Tg1 e al Tg2 per denunciare il fatto che la notizia della mobilitazione convocata due giorni fa nel capoluogo d’Abruzzo per chiedere agevolazioni fiscali per l’area del cratere e maggiori garanzie sulla ricostruzione, non e’ stata riportata dai Tg delle due principali emittenti del servizio pubblico. Una rete talmente fitta di commenti dal tono ‘il 16 giugno eravamo 20.000 all’Aquila e ci avete oscurati’, o semplicemente ‘L’Aquila, L’Aquila, L’Aquila’ da costringere gli amministratori della pagina del Tg1 a chiudere temporaneamente lo spazio.
I commenti appaiono sotto le principali notizie degli ultimi due giorni, dal Mondiale sudafricano ai fatti di cronaca alle valutazioni del presidente del Senato, Renato Schifani, sulla manovra finanziaria.
Migliaia anche le e.mail di protesta agli indirizzi e.mail alle due testate, divulgati sempre attraverso i social network.
E intanto e’ nato un gruppo ‘No L’Aquila? No canone Rai’ in cui gli ammInistratori invitano gli utenti aquilani a ‘non pagare il canone Rai finche’ non venga restituita dal servizio pubblico la giusta dignita’ ai fatti che accadono nella nostra citta’.

fonte aduc

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here