STEVE MARTIN (Smek)L’attore, autore, commediografo, sceneggiatore, produttore e musicista STEVE MARTIN (Smek) è uno degli artisti più poliedrici e acclamati della sua generazione.

Ha scritto e recitato in alcuni dei film di maggiore successo nella storia recente del cinema, prendendo parte a oltre cinquanta film nell’arco della sua carriera. Da “Un biglietto in due” (Planes, Trains and Automobiles) a “Parenti amici e tanti guai” (Parenthood), dal franchise de “Il padre della sposa” (Father of the Bride) e di “Una scatenata dozzina” (Cheaper by the Dozen) a Baby Mama” e È complicato” (It’s Complicated), i suoi film appartengono a quel genere che non ci si stanca mai di vedere. Martin ha scritto la sceneggiatura di alcuni dei suoi film più apprezzati, tra cui “Lo straccione” (The Jerk), Roxanne”, Bowfinger”, “Pazzi a Beverly Hills” (L.A. Story) e Shopgirl”.

Il suo primo film è stato un cortometraggio di sette minuti, da lui scritto e interpretato, The Absent-Minded Waiter”. Il film è stato candidato agli Academy Award® per il miglior cortometraggio live action nel 1977.

Di recente, l’attore ha ricevuto l’Honorary Award dal Board of Governors dell’Academy of Motion Picture Arts and Sciences in occasione della quinta edizione degli Annual Governors Award. Ha anche presentato per tre volte la cerimonia degli Academy Award.

Come autore, Martin ha scritto diversi libri, di cui il più recente è An Object of Beauty, che diventerà un film. Ha anche scritto una serie di racconti bestseller, tra cui Pure Drivel e Shopgirl, alcune commedie originali, tra cui “Picasso at the Lapin Agile”, libri per bambini e un libro sul mondo dell’arte. Ha scritto la sua prima autobiografia, Born Standing Up, nel 2007. I suoi scritti appaiono spesso sul New Yorker e sul New York Times.

Martin ha iniziato la sua carriera come autore di The Smothers Brothers Comedy Hour, con cui ha vinto nel 1969 il suo primo Emmy® nella categoria Comedy, Variety, or Music. Alla metà degli anni ’70, era una delle star del Tonight Show” di Johnny Carson, dopodiché è apparso sulla HBO in On Location” e sulla NBC nel Saturday Night Live”. È stato il primo artista a registrare il tutto esaurito in una esibizione in uno stadio.

Il suo comedy album Let’s Get Small (1978) ha vinto il disco di platino negli Stati Uniti e si è aggiudicato un Grammy®. Il secondo comedy album, Wild and Crazy Guy, contenente il suo primo single, King Tut, ha vinto due dischi di platino negli Stati Uniti e gli è valso il secondo Grammy® Award. Il terzo comedy album, Comedy is Not Pretty, è stato candidato a un Grammy® Award nel 1979.

Sempre pronto ad eccellere in tutti i settori artistici, il premiato artista si è distinto anche in campo musicale, appassionandosi di banjo a diciassette anni. Martin ha inizialmente usato le sue doti musicali nelle esibizioni da vivo, poi, nel 2010, ha pubblicato il suo primo album, The Crow: New Songs for the 5-String Banjo. Da allora, si è esibito su molti prestigiosi palcoscenici, tra cui il Carnegie Hall, il Royal Festival Hall a Londra e il Capitol Building a Washington D.C. Il suo secondo album bluegrass, Rare Bird Alert, uscito nel 2011, comprende tredici suoi brani ed è impreziosito dalle voci degli special guest Paul McCartney e The Dixie Chicks. Inoltre, Martin ha scritto due delle canzoni del CD insieme alla bluegrass band Steep Canyon Rangers, vincitrice di un Grammy® Award. Quello stesso anno, l’artista ha vinto l’Entertainer of the Year Award dell’International Bluegrass Music Association. Recentemente, ha collaborato con Edie Brickell nell’acclamato album Love Has Come For You, in cui spicca il suo banjo a cinque corde che accompagna la vivida voce di Brickell. I due hanno vinto il Grammy® Award nella categoria ‘Best American Roots Song’ con la canzone Love Has Come For You, che dà nome all’album. Martin ha istituito lo Steve Martin Prize for Excellence in Banjo and Bluegrass, destinato a premiare le migliori interpretazioni in questo genere musicale.

Nato a Waco, in Texas, nel 1945, e cresciuto nella California meridionale, Martin ha iniziato ad esibirsi come intrattenitore e mago nei parchi giochi, incluso il Magic Shop a Disneyland. Ha frequentato il Santa Ana College e si è poi laureato in Arte Drammatica alla UCLA.