Una donna affetta da Poliomelite vive segregata in un palazzo di Bari al terzo piano perché non c’è l’ascensore nello stabile. L’abitazione le è stata assegnata dall’Istituto per le case popolari. A denunciare il fatto è il Segretario Nazionale della CONFAIL Inquilini, Michele Ladisa che si è recato numerose volte presso gli uffici dello IACP per sollecitare una soluzione per Silvia, una 50 enne invalida al 100% e ha anche fatto presente che oltre alla mancanza dell’ascensore nello stabile che non permette alla signora di uscire di casa, anche le due strade che dovrebbe eventualmente percorrere la donna pur di raggiungere un mezzo pubblico di trasporto, sono per lei assolutamente impraticabili in quanto presentano protuberanze nel manto stradale.