E’ quanto affermato da Calabrò. Corrado Calabrò Presidente dell’Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni ha inoltre dichiarato: “Il pluralismo dell’informazione è tra i principi fondanti dell’Unione europea” che nella relazione annuale al Parlamento ha toccato questo argomento che è fra i più discussi negli ultimi tempi. Tutto ciò avviene alla vigilia della mobilitazione della stampa contro il disegno di legge contro le intercettazioni. Nella relazione presentata al Parlamento lo stesso Calabrò ricorda che il Trattato di Lisbona include la libera informazione fra i diritti fondamentali dell’Unione Europea.