Il Consiglio avrebbe chiesto di estendere l’accesso ai finanziamenti agevolati. Si tratta di una delibera approvata dal Consiglio Comunale di L’Aquila per consentire anche ai proprietari di seconde case in categoria A e di immobili per attività produttive, di accedere ai contributi di finanziamento agevolato che attualmente è una possibilità preclusa. Con la mozione il Comune aquilano chiede l’eliminazione del tetto massimo di 200mila euro per la ristrutturazione di immobili in categoria B, C ed E. La mozione è stata inviata al Premier Berlusconi.