Al Senato quando è arrivata la notizia dell’arresto di Oppedisano, tutti i senatori hanno esordito con un fragoroso applauso. Considerato il numero uno della ‘Ndrangheta, attualmente ha 80 anni e da sempre guidava le cosche calabresi. Nel 2009 fu proprio insignito della nomina di capo crimine decisa nell’ambito del matrimonio dei figli di due boss. Oppedisano sarebbe secondo gli investigatori il punto di riferimento di tutta l’organizzazione malavitosa.