Trovate durante le indagini, presso gli scavi della società Perego, dei probabili sversamenti di sostanze inquinanti in provincia di Milano. Fra le sostanze rinvenute ci sarebbe anche l’amianto. E’ emerso nell’ambito dei controlli effettuati nei cantieri controllati dalla ‘Ndrangheta. Lo si è appreso dall’ordinanza del GIP di Milano Giuseppe Gennari che conduce l’inchiesta che ha portato all’arresto di 5 persone fra cui Ivano Perego, presidente della società Perego Strade in seguito fallita. Fra gli arrestati risulterebbe anche il boss Salvatore Strangio.