L’avvocato di Raimondi, ritenuto l’assassino del piccolo Tommaso Onofri, aveva richiesto uno sconto di pena per il suo assistito in virtù della confessione precedentemente effettuata riguardo all’omicidio di Tommaso Onofri che all’epoca dei fatti aveva solo meno di due anni. Raimondi aveva perpetrato l’omicidio nei confronti della piccola vittima con la complicità di Mario Alessi condannato all’ergastolo e della compagna di quest’ultimo, Antonella Conserva condannata a 30 anni. C’è stata dunque una richiesta di riduzione di pena in virtù della confessione di Raimondi, ma vista l’efferatezza dell’omicidio, il giudice ha ritenuto giusto confermare la precedente pena di 20 anni