L’operazione condotta dai carabinieri del comando di Palermo ha portato all’arresto di 13 persone e al sequestro di 20 kg di cocaina pura. L’accusa per i narcotrafficanti arrestati è di associazione a delinquere finalizzata all’importazione e al commercio internazionale di stupefacenti, con l’aggravante di aver creato un gruppo criminale operativo in più paesi. Il capo della banda in questione secondo gli investigatori sarebbe un siciliano il quale pare che vanti una collaborazione con un esponente di spicco della camorra latitante che si sarebbe rifugiato proprio in Sud America. Il siciliano ritenuto a capo del gruppo, sarebbe stato incaricato di trattare il prezzo di ogni quantitativo di droga con i cartello colombiani e peruviani. Il giro avveniva attraverso delle società di import-export appositamente costituite, la droga veniva poi venduta sulle piazze italiane di Sicilia ed Emilia Romagna, ad alcuni affiliati all’organizzazione.