Il Presidente della Repubblica italiana, Giorgio Napolitano in occasione delle celebrazioni per Paolo Borsellino, il magistrato tragicamente morto a causa di un agguato della mafia a Palermo, ha esortato le istituzioni a fare luce sulle stragi di mafia affinché non restino impuniti i reati e gli assassini. La celebrazione per ricordare Borsellino si è svolta ieri a Palermo in via D’Amelio, organizzata dal ‘Popolo delle Agende Rosse’. In quella occasione era presente anche il Presidente della Camera dei Deputati, Gianfranco Fini, il quale rispondendo ad una domanda di uno dei manifestanti ha dichiarato: “Mangano (colui che è ricordato per essere stato lo stalliere di Arcore), non è affatto un eroe, piuttosto è un cittadino condannato per mafia”. Fini ha inoltre aggiunto: “La strage di Via D’Amelio non fu solo mafia, ma un modo per accelerare la caduta della prima repubblica”.