Leonardo Giraldin, un giovane imbianchino di 27 anni è morto ieri nel pomeriggio a causa di una scossa di 20mila volt dovuta al contatto del ponteggio su cui stava lavorando con un collega, a dei fili aerei dell’alta tensione. Il ragazzo probabilmente si sarebbe salvato se il suo collega, Silvio Tasinato di 46 anni non avesse istintivamente cercato di portargli soccorso. Infatti Tasinato vedendo il giovane a terra senza sensi, si è avvicinato toccandolo e il tocco ha provocato per effetto di ritorno un’ennesima scossa elettrica, visto che il corpo del compagno ne aveva assimilato l’energia provocando una ulteriore reazione che ha causato la morte del collega e arrecato una scossa di pari intensità, nei suoi confronti. Giraldin è morto, mentre Tasinato è in ospedale in gravi condizioni.