Camorra: La Guardida di Finanza sequestra beni per 130 milioni di euro

I beni sono stati sequestrati ad un imprenditore del casertano ritenuto affiliato ad un clan camorristico. L’imprenditore è accusato di traffico internazionale di stupefacenti e riciclaggio di denaro ‘sporco’. Il provvedimento di sequestro è stato emanato dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli e fra i beni sequestrati ci sarebbero 22 aziende commerciali, 25 terreni e 7 fabbricati distribuiti in varie regioni fra Lazio, Campania e Molise.