In un futuro postapocalittico, dove l’umanità ha perso l’uso della parola e vive in bande tra città abbandonate, tempeste di sabbia e macerie, si aggirano e si scontrano per la sopravvivenza l’Uomo (Pierre Jolivet), il Bruto (Jean Reno), il Capitano, il Nano, il Dottore. Potente esordio in bianco e nero e in cinemascope per Luc Besson, che prende spunto dal suo precedente cortometraggio L’avant dernier e dimostra già la sua grande forza visiva.

Sezione:

  • – COSE CHE VERRANNO

Regia

Luc Besson

Filmografia:
Le dernier combat (1983), Subway (id., 1985), Le grand bleu (id., 1988), Nikita (id., 1990), Atlantis (id., 1991), Léon (id., 1994), Le cinquième élément (Il quinto elemento, 1997), The Messenger: The Story of Joan of Arc (Giovanna d’Arco, 1999), Angel-A (id., 2005), Arthur et les Minimoys (Arthur e il popolo dei Minimei, 2006), Arthur et la vengeance de Maltazard (Arthur e la vendetta di Maltazard, 2009), Les aventures extraordinaires d’Adèle Blanc-Sec (Adèle e l’enigma del faraone, 2010), Arthur et la guerre des deux mondes (Arthur e la guerra dei due mondi, 2010), The Lady (The Lady – L’amore per la libertà, 2011), The Family (Cose nostre – Malavita, 2013), Lucy (id., 2014).

Cast and Credits

regia/director
Luc Besson
sceneggiatura, produttori/screenplay, producers
Luc Besson, Pierre Jolivet
fotografia/cinematography
Carlo Varini
montaggio/film editing
Sophie Schmit
scenografia/production design
Thierry Flamand, Christian Grosrichard
costumi/costume design
Marie Beau, Martine Rapin
musica/music
Eric Serra
interpreti e personaggi/cast and characters
Pierre Jolivet (l’Uomo/the Man), Jean Bouise (il Dottore/the Doctor), Fritz Wepper (il Capitano/the Captain), Jean Reno (il Bruto/the Brute), Maurice Lamy (il Nano/the Dwarf)
produzione/production
Les Films du Loup