In un futuro prossimo, una scrittrice affetta da una malattia terminale che le lascia due mesi di vita accetta che un’emittente tv filmi la sua agonia. Poi tenta la fuga, ma viene raggiunta da un cameraman che ha delle telecamere impiantate negli occhi. Tratto da un romanzo di David G. Compton e diretto da Tavernier nel 1980, un dramma che anticipa le tendenze più necrofile della televisione che verrà. Profetico e inquietante.

Sezione:

  • – COSE CHE VERRANNO

Regia

Bertrand Tavernier (Lione, Francia, 1941), dopo aver abbandonato gli studi di legge, si è dedicato prima alla critica cinematografica scrivendo su «Cahiers du cinéma» e «Positif» per poi iniziare la carriera di regista e sceneggiatore. Dopo essere stato anche produttore di tre suoi film, L’orologiaio di Saint-Paul (1974), Che la festa cominci… (1975) e Il giudice e l’assassino (1976), ha deciso di  fondare la propria casa di produzione, la Little Bear. Ha realizzato oltre trenta film che hanno ottenuto prestigiosi riconoscimenti quali l’Oscar per la miglior colonna sonora originale  proprio per Round Midnight (1986) e l’Orso d’oro al Festival di Berlino per L’esca (1995).

Filmografia:
L’Horloger de Saint-Paul (L’orologiaio di St. Paul, 1974), Le Juge et l’Assassin (Il giudice e l’assassino, 1976), Une semaine de vacances (Una settimana di vacanza, 1980), Coup de torchon (Colpo di spugna, 1981), Un dimanche à la campagne (Una domenica in campagna, 1984), Autour de minuit (Round Midnight – A mezzanotte circa, 1986), La Passion Béatrice (Quarto comandamento, 1987), La vie et rien d’autre (La vita e niente altro, 1989), Daddy nostalgie (id., 1990), L. 627 (Legge 627, 1992), L’appât (L’esca, 1995), Capitaine Conan (Capitan Conan, 1996), Holy Lola (La piccola Lola, 2004), In the Electric Mist (L’occhio del ciclone – In the Electric Mist, 2009).

Cast and Credits

regia/director
Bertrand Tavernier
soggetto/story
dal romanzo/from the novel The Unsleeping Eye di/by David G. Compton
sceneggiatura/screenplay
David Rayfiel, Bertrand Tavernier
fotografia/cinematography
Pierre-William Glenn
montaggio/film editing
Michael Ellis, Armand Psenny
scenografia/production design
Anthony Pratt
musica/music
Antoine Duhamel
interpreti e personaggi/cast and characters
Romy Schneider (Katherine Mortenhoe), Harvey Keitel (Roddy), Harry Dean Stanton (Vincent Ferriman), Thérèse Liotard (Tracey), Max von Sydow (Gerald Mortenhoe)
produttori/producers
Elie Kfouri, Bertrand Tavernier

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here