I due ragazzi si chiamano: Alessandro Presti Giusi Amato e secondo gli inquirenti sarebbero stati i vivandieri del boss mafioso Giovanni Nicchi. I due ragazzi appena ventenni sono stati trovati in possesso anche di due pistole giocattolo modificate ad armi vere, 500 cartucce calibro 9, una 357 magnum e due silenziatori fabbricati artigianalmente.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here