Immondizia dorata in Abruzzo, l’indagine che ha portato all’arresto di Senatori e del Sindaco di Teramo ha radici lontane nel tempo ed è partita nel 2008. Tutti gli indagati sono sottoposti a provvedimento per corruzione ed è stato presentato un avviso di garanzia anche all’ex Assessore alla Protezione Civile, Daniela Stati, che si va ad aggiungere ai guai che la signora aveva precedentemente accumulato nei mesi scorsi, nell’ambito dell’inchiesta sulla ricostruzione post terremoto. La notizia è stata data in prima pagina oggi dal quotidiano Il Centro e nell’articolo viene specificato che Lanfranco Venturoni è stato arrestato a Teramo dalla Squadra Mobile di Pescara insieme a Rodolfo Valentino Di Zio. Per i due in particolare l’accusa è di corruzione, peculato ed abuso d’ufficio in riferimento al progetto di un impianto di bioessiccazione di rifiuti a Carapollo, che intendevano realizzare su dei terreni di proprietà della società pubblica TEAM che si occupa di gestione dei rifiuti a Teramo. Secondo le accuse pare che Di Zio, nel periodo fra il 2006 e il 2009, volesse realizzare un termovalorizzatore senza dover passare attraverso la ‘noiosa’ procedura della gara d’appalto e che quindi avrebbe elargito denaro e quindi compiuto una serie di reati relativi alla corruzione e tentata corruzione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here