Il Tribunale del Riesame di Roma dovrà verificare l’utilizzabilità delle intercettazioni fra Carboni, Lombardi e alcuni altri parlamentari nell’ambito dell’inchiesta P3, poiché secondo la Cassazione i giudici dovranno stabilire le intercettazioni siano relative alle persone interrogate o se siano casuali. Con tale motivazione i supremi giudici, circa due settimane fa, hanno annullato la conferma di custodia cautelare in carcere nei confronti di Carboni e Lombardi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here