Le due ditte Riab e Introfer, avrebbero gestito illegalmente rifiuti pericolosi inquinando le acque. Il proprietario degli impianti di riciclaggio, Domenico De Patre avrebbe ignorato i precedenti controlli e non si sarebbe messo in regola. Le due aziende di De Patre riciclano e stoccano ferro e rifiuti speciali tossici e nocivi e nonostante i vari provvedimenti e le numerose diffide, le due ditte di riciclaggio avevano continuato ad operare senza seguire i criteri legali richiesti e quindi i Carabinieri del NOE e la Polizia Provinciale hanno sequestrato gli impianti e notificato avvisi di garanzia a Domenico De Patre risultante essere il proprietario, a Dino De Patre e Tullio Cocciante entrambi legali rappresentanti della ditta Rigenera. Le illegalità commesse consistono in: inquinamento delle acque, scarichi abusivi, immissioni rumorose, esalazioni gassose dannose, gestione non autorizzata di rifiuti pericolosi, deposito di rifiuti in siti non autorizzati e non pavimentati, capannoni colmi di rifiuti pericolosi e fusti contenenti elementi sconosciuti sia al proprietario e sia agli stessi inquirenti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here