La Corte d’Assise d’Appello di Palermo ha assolto il boss mafioso di Altofonte, Mimmo Raccuglia, che nel processo di primo grado gli era stato inflitto l’ergastolo. Raccuglia è accusato dell’omicidio di Pietro Romeo, ucciso nel 1997 con il metodo cosiddetto della ‘lupara bianca’. Pietro Romeo era reo di voler inserirsi negli affari di Cosa Nostra tentando una escalation per arrivare ai vertici e diventare un capo e probabilmente è stato ucciso proprio per impedirgli di salire al potere. Romeo è anche fratello di un imprenditore palermitano che è stato ucciso l’anno scorso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here