In una battuta d’arresto per il francese cementificio Lafarge: la Corte Suprema indiana rifiutato di concedere l’autorizzazione alla società per le attività di estrazione di calcare le sue foreste in Meghalaya.
La corte ha richiesto alla società una nuova valutazione d’impatto ambientale (VIA) per l’avvio del sito. Il calcare estratto è destinato al cementificio dell’azienda in Bangladesh.
“Non daremo l’autorizzazione senza il VIA. Questa corte non ha permesso a nessuno di svolgere attività minerarie senza valutazione d’impatto ambientale, perché volete un trattamento diverso?
Respingendo la richiesta del Procuratore Generale di dare luce verde alla Lafarge in attesa del VIA, la Corte ha precisato che non avrebbe consentito alla società mineraria senza ottenere liquidazione VIA.

“Una volta accertato che Lafarge ha ottenuto i permessi ambientali in modo fraudolento o nascondendo evidenze, il giudice non può accettare l’approvazione da parte del comitato consultivo forestale e regolarizzare le attività estrattive”, recita la sentenza. Il permesso per la miniera era stato accordato spacciando una foresta tropicale per terreno roccioso e arido.

Fonte: http://www.salvaleforeste.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here