Confermata la condanna a 6 anni per contrabbando ma non per il 416 bis che lo vedeva accusato come mandante dell’omicidio di Vladimir Jelenic un 22enne montenegrino, ucciso il 24 ottobre del 1995. Il ragazzo montenegrino osò chiedere un pizzo a Prudentino per proteggere il suo contrabbando di sigarette svolto proprio nel Montenegro. Prudentino, capoclan della mafia pugliese è stato assolto anche dell’accusa di associazione mafiosa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here