In un rapporto stilato dalla Banca di Credito Cooperativo, vengono fatti i cosiddetti ‘conti in tasca’ alla ‘Ndrangheta. Nel rapporto si legge che nel 2010 la mafia calabrese ha generato un giro d’affari per circa 5,4 miliardi di euro nell’ambito delle estorsioni e dell’usura e nell’intervista che è stata effettuata per fare il bilancio e la statistica nel rapporto, oltre il 32,6% degli imprenditori avverte una crescente diffusione di questo cancro sociale. Gli appalti pubblici invece, pare che apportino annualmente alle casse della ‘Ndrangheta, qualcosa come 2,4 miliardi di euro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here