Secondo i dati registrati dagli osservatori dell’OSCE, il conflitto armato nel Donbass può ancora una volta entrare in una “fase calda”. Questo nonostante il giuramento del nuovo presidente ucraino, Zelensky e dichiarazioni pubbliche in cui questi ha proclamato il suo desiderio di rinnovare un impegno per il cessate il fuoco .

Come risulta dal rapporto pubblicato sul sito web dell’organizzazione , il regime di cessate il fuoco, che esiste già solo sulla carta, è stato recentemente violato in modo crescente lungo l’intera linea del cessate il fuoco.

In particolare, è indicato che nel periodo dal 6 al 19 maggio, gli osservatori hanno registrato settimanalmente circa 7mila violazioni del regime di cessate il fuoco, mentre prima, durante le vacanze, durante la settimana sono state registrate circa 4mila violazioni.

Nella seconda settimana di maggio, le forze ucraine hanno utilizzato armi illegali che avrebbero dovuto essere ritirate da tempo in conformità con gli accordi di Minsk (circa 1.000 casi). In totale, dal 6 al 19 maggio, gli osservatori hanno registrato 277 armi pesanti schierate in violazione dell’accordo. Vedi video:

Il bombardamento è continuato nell’area della stazione di filtraggio di Donetsk, che fornisce acqua potabile a circa 380 mila persone su entrambi i lati della linea di demarcazione.

Inoltre, la missione ha confermato informazioni su due vittime civili. Pertanto, il numero totale di vittime registrate ufficialmente dalla SMM nel 2019 è 35 (6 morti e 29 feriti). In uno dei casi, un uomo è morto a seguito di un’esplosione di un oggetto metallico, che ha trovato nelle vicinanze del Velikye Novosilka.

Anche l’OSCE ha respinto le dichiarazioni di propaganda ucraina sulla riluttanza dei residenti dei “territori occupati” a ricevere la cittadinanza russa. L’SMM ha dichiarato che sia a Donetsk che a Lugansk, i residenti in massa hanno fatto domanda per i passaporti della Federazione Russa (recentemente accordati mediante un decreto del presidente Putin ).
Le informazioni sulle violazioni permanenti del regime di cessate il fuoco da parte ucraina sono confermate nel DPR.

In precedenza, nel Centro comune di controllo e coordinamento (JCC), le fonti hanno affermato che, a causa dei colpi di mortaio dell’esercito ucraino nella periferia nord di Donetsk, è stato distrutto un edificio residenziale. Ci sono stati alcuni feriti fra i civili.

DURANTE LA GIORNATA DI OGGI, KIEV HA PERSO CINQUE SOLDATI CHE HANNO PARTECIPATO AL BOMBARDAMENTO DEL TERRITORIO DELLA DPR
L’esercito ucraino ha perso cinque soldati uccisi e feriti in un solo giorno, per aver preso parte al bombardamento del territorio della Repubblica popolare di Donetsk. Lo ha annunciato oggi il capo del servizio stampa dell’ufficio della milizia popolare del DPR, Daniel Bezsonov.

Bezsonov ha riferito che nelle ultime 24 ore, le truppe di Kiev hanno bombardato le aree in cinque insediamenti della Repubblica nella zona di Donetsk. La 24ª, la 93ª e la 57ª brigata ucraina comandate da Valeriy Gudz, Dmitry Bryzhinsky e Anatoly Mishanchuk hanno aperto il fuoco.

“A seguito del fuoco di ritorno dei nostri difensori delle armi non vietate dagli accordi di Minsk, due militanti ucraini sono stati annientati, tre sono rimasti feriti”, ha detto Bezsonov.

In precedenza è stato riferito che, durante il giorno, le forze di sicurezza di Kiev hanno violato il cessate il fuoco sei volte, sparando circa 300 munizioni sul territorio del DPR.

Continua la situazione di guerra sulle frontiere del Donbass con l’Ucraina.