Coronavirus. In quali parti della casa prospera il virus?

I malati con il nuovo coronavirus contaminano la loro camera da letto e il loro bagno, questa è la conclusione di un nuovo studio che dimostra che l’ambiente diventa quindi un potenziale mezzo di trasmissione … Ciò evidenzia la necessità di pulire regolarmente le superfici come lavandini e water per fermare la diffusione del Covid-19. Dovremmo ora prevedere di non avere in casa prodotti specifici?
Tuttavia, il virus non sopravvive quando si puliscono le superfici contaminate con un disinfettante di uso comune due volte al giorno, ha concluso la stessa analisi, pubblicata sulla rivista americana JAMA.
Lo studio, condotto da ricercatori del National Center for Infectious Diseases di Singapore e dei DSO National Laboratories, è stato avviato dopo la diffusione del coronavirus in alcuni ospedali cinesi. Ciò ha spinto gli scienziati all’ipotesi che oltre alla tosse, la contaminazione ambientale fosse un fattore importante nella trasmissione della malattia.
Da fine gennaio a inizio febbraio, hanno esaminato le stanze di tre pazienti tenute isolate. Una delle stanze è stata testata prima della sua pulizia ordinaria, mentre le altre due sono state analizzate dopo le misure di disinfezione. Il paziente, la cui stanza è stata testata prima della pulizia, ha avuto una semplice tosse, mentre gli altri due hanno mostrato sintomi più gravi con tosse, febbre, mancanza di respiro per uno e espettorato di muco polmonare per l’altro.

L’ambiente è “un potenziale mezzo di trasmissione”
Nonostante i suoi lievi sintomi, il primo paziente aveva contaminato 13 delle 15 superfici analizzate dai ricercatori, inclusi sedia, letto, finestra e pavimento. Nel suo gabinetto, tre delle cinque superfici testate, tra cui il suo lavandino e la sua ciotola, hanno mostrato tracce del virus, suggerendo che le feci potrebbero essere una via di trasmissione. I campioni d’aria dalla sua stanza si sono rivelati negativi, ma quelli prelevati dalle sue prese d’aria sono tornati positivi, dimostrando che le gocce contaminate potrebbero essere trasportate dai flussi d’aria.
Tuttavia, le altre due camere testate dopo essere state pulite non hanno mostrato segni del virus. Gli scienziati hanno quindi osservato che l’ambiente era “un potenziale mezzo di trasmissione” e che era essenziale una “rigorosa aderenza alle misure ambientali e di igiene delle mani”.
Il virus, identificato per la prima volta nella provincia cinese di Hubei a dicembre, ha al momento infettato oltre 95.748 persone e ucciso oltre 3.286 in 81 paesi e territori. L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato mercoledì che il suo tasso di mortalità è stato del 3,4%, rivedendo al rialzo le sue stime precedenti. Questo tasso potrebbe ancora essere rivisto in futuro.
(da un lancio AFP del 10/03/2020)