12 marzo 1863 nasceva il grandissimo Gabriele D’Annunzio

Soprannominato “il Vate”, cioè “poeta sacro, profeta”,cantore dell’Italia umbertina, o anche “l’Immaginifico”, occupò una posizione preminente nella letteratura italiana dal 1889 al 1910 circa e nella vita politica dal 1914 al 1924. È stato definito «eccezionale e ultimo interprete della più duratura tradizione poetica italiana […]». Come figura politica lasciò un segno nella sua epoca ed ebbe un’influenza notevole sugli eventi che gli sarebbero succeduti. Discusso mentore di Mussolini, ebbe un importante, ma dibattuto, ruolo di precursore per il fascismo italiano, anche se non si iscrisse mai al PNF.

La sua arte fu così determinante per la cultura di massa, che influenzò usi e costumi nell’Italia – e non solo – del suo tempo: un periodo che più tardi sarebbe stato definito appunto “dannunzianesimo”