Domenica 5 aprile, una giovane tigre dello zoo del Bronx di New York è risultata positiva al coronavirus. Nadia, una femmina di quattro anni, ha avuto una tosse secca dal 27 marzo. Sua sorella Azul, due tigri dell’Amur e tre leoni africani hanno sintomi respiratori simili ma non sono stati testati. “Sebbene il loro appetito sia diminuito, i felini dello zoo stanno bene grazie alle cure veterinarie e sono vivaci, vigili e interattivi con i loro tutori”, ha dichiarato la Wildlife Conservation Society in una nota. Sono già in via di guarigione. “Non sappiamo come questa malattia si svilupperà nei grandi felini perché diverse specie possono reagire in modo diverso alle nuove infezioni, ma continueremo a monitorarle attentamente e ad anticipare un pieno recupero”, afferma l’istituzione.

Molto probabilmente la tigre è stata contaminata da un dipendente malato, poiché lo zoo è stato chiuso da metà marzo. Alla fine di marzo, un gatto era già stato infettato dal suo proprietario in Belgio e in Cina erano stati segnalati due casi di cani positivi per il coronavirus. Ma se gli umani sembrano in grado di trasmettere il virus agli animali, il rischio di contaminazione nella direzione opposta non è stato dimostrato, secondo le autorità sanitarie. “Tuttavia, tutti gli animali possono trasportare germi che possono far ammalare le persone”, avverte il Center for Disease Control and Prevention (CDC). Si consiglia pertanto di mantenere un atteggiamento sicuro nei confronti degli animali domestici e di altri animali.