Mortalità anziani. Cresce con l’inquinamento atmosferico

Una nuova ricerca americana ha dimostrato che l’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico è una causa di morte precoce tra gli americani di età superiore ai 65 anni. Per condurre questo nuovo studio, un team della Harvard TH Chan School of Public Health ha tenuto conto dei dati diffusi in 16 anni per più di 68,5 milioni di americani nel programma sanitario federale Medicare, il 97% dei qualii aveva oltre 65 anni.
I ricercatori hanno stimato l’esposizione giornaliera dei partecipanti all’inquinamento a particelle fini di PM2.5 (meno di 2,5 micron di diametro, 30 volte più piccole del diametro di un capello) prendendo in considerazione il loro codice postale e i dati provenienti da inquinamento riguardante le diverse città americane. Hanno anche tenuto conto di fattori come le variabili meteorologiche, nonché l’indice di massa corporea dei soggetti, il consumo di tabacco, l’etnia, il reddito e gli studi.

Standard non molto protettivi, da rivedere
I loro risultati, pubblicati sulla rivista Science Advances, hanno mostrato che abbassare il livello di inquinamento con PM2.5 alla soglia di 10 ?g / m3 (microgrammi per metro cubo) porterebbe a una riduzione dal 6 al 7% del rischio di mortalità per gli americani con più di 65 anni. I loro risultati sono stati confermati in cinque diversi tipi di analisi condotte dai ricercatori.

Lo standard di qualità dell’aria negli Stati Uniti è attualmente di 12 ?g / m3 all’anno. Gli scienziati spiegano che se gli Stati Uniti riducessero il loro standard annuale di emissioni di particolato PM2,5 a 10 ?g / m3 (raccomandazioni annuali dell’Organizzazione mondiale della sanità), 143.257 vite potrebbero potenzialmente essere salvate in un decennio.

Il team scientifico specifica che il loro studio offre finora le prove più complete del legame causale tra esposizione a lungo termine alle particelle di PM2.5 e morti precoci. Inoltre, si basa su uno studio del 2017 che ha dimostrato la stessa associazione tra PM2.5 e inquinamento da ozono e il rischio di morte per gli anziani.

“Questo nuovo studio ha tenuto conto dei dati più estesi fino ad oggi degli anziani americani e ha utilizzato molteplici metodi analitici, inclusi quelli statistici di inferenza causale, per dimostrare che gli attuali standard americani di concentrazione delle particelle di PM2, 5 non sono sufficientemente protettivi e dovrebbero essere abbassati per garantire che le popolazioni vulnerabili, come gli anziani, siano al sicuro”, ha affermato Xiao Wu, co-firmatario dello studio.
(AFP)