I disturbi da uso di sostanze (SUD) sono un grave problema di salute pubblica in tutto il mondo per il quale i trattamenti disponibili mostrano un’efficacia limitata. Dopo la legalizzazione della cannabis e l’approvazione del cannabidiolo (CBD) da parte della Food and Drug Administration degli Stati Uniti, il potenziale terapeutico del CBD per il trattamento del SUD e altre malattie è stato ampiamente indagato. In questo mini-articolo, si esamina prima la storia e le prove a sostegno del CBD come potenziale farmacoterapeutico. Poi ci si concentra sui recenti progressi nella ricerca preclinica sull’efficacia farmacologica del CBD e sui meccanismi recettoriali sottostanti sul comportamento simile alla dipendenza.
Prove crescenti indicano che il CBD ha un potenziale terapeutico nel ridurre gli effetti di un farmaco, come valutato nell’autosomministrazione endovenosa del farmaco, nella preferenza di luogo condizionata e nei paradigmi di ricompensa della stimolazione cerebrale intracranica. Inoltre, il CBD è efficace nel ridurre le ricadute negli animali da esperimento. Sia gli studi sui meccanismi dei recettori in vivo che quelli in vitro indicano che il CBD può agire come un modulatore allosterico negativo del recettore dei cannabinoidi di tipo 1 (CB1) e un agonista del cannabinoide di tipo 2 (CB2), del potenziale recettore transitorio vanilloide 1 (TRPV1) e della serotonina 5 -Recettori HT1A. Attraverso questi meccanismi a recettori multipli, si ritiene che il CBD moduli la dopamina cerebrale in risposta alle droghe d’abuso, portando ad un’attenuazione del comportamento di assunzione e ricerca di droghe. Sebbene questi risultati suggeriscano che il CBD sia un promettente candidato terapeutico, sono necessarie ulteriori indagini per verificarne la sicurezza, l’efficacia farmacologica e i meccanismi recettoriali sottostanti sia negli animali da esperimento che negli esseri umani.