Il presidente indonesiano ha annunciato una moratoria di due anni sul rilascio di nuove concessioni per convertire foreste vergini e torbiere in piantagioni, nell’ambito di una strategia internazionale volta a ridurre le emissioni di gas serra causate dalla deforestazione. L’annuncio del presidente Susilo Bambang Yudhoyono è giunto alla vigilia di una conferenza internazionale sul cambiamento climatico e la deforestazione a Oslo.
L’Indonesia è uno dei maggiori emettitori mondiali di gas a effetto serra a causa dell’abbattimento delle foreste e degli incendi delle torbiere per la conversione in piantagioni di palma da olio e acacia (per la produzione di carta). Il paese è stato a lungo un bersaglio di aspre critiche dei gruppi ambientalisti che hanno accusato il governo di non far rispettare le proprie leggi.
La Norvegia contribuirà con un miliardo dollari in Indonesia per compensare la riduzione della deforestazione.
Yudhoyono ha detto che la moratoria dovrebbe essere avviata nel 2010 come parte di una più ampia strategia volta alla riduzione delle emissioni di gas serra di almeno il 26 per cento entro il 2020.

Nel 2007 il governo indonesiano aveva approvato una simile moratoria, poi, cancellata l’anno successivo.
La deforestazione è responsabile per quasi un quinto delle emissioni totali di carbonio, che provoca il cambiamento climatico. La partnership Indonesia-Norvegia per ridurre le emissioni è parte del programma REDD, finalizzato alla riduzione delle emissioni da deforestazione e dal degrado, secondo cui il carbonio immagazzinato dalle foreste diventa una merce acquistabile sul mercato internazionale.

Ma proprio qui emergono di dubbi delle associazioni ambientaliste.
Il finanziamento REDD attraverso il commercio di carbonio comporta che i paesi del Nord possono ritardare un’azione efficace e radicale volta a fermare la combustione di combustibili fossili, limitandosi a una compensazione delle emissioni con il carbonio immagazzinato nelle foreste: il risultato non è una riduzione delle emissioni. Se le il calcolo di carbonio immagazzinato sono inesatti, o se la deforestazione è fermato in un settore, ma aumenta da qualche altra parte come risultato (descritto come “perdite” nel gergo dei negoziati sul clima), allora le emissioni si intenderà aumentato per l’attività di ricerca della offset e dalla deforestazione. Se finanziato attraverso lo scambio delle emissioni, REDD creerà più grande lacuna del mondo – in modo efficace che consente all’industria di continuare a inquinare.
Ci sono molte preoccupazioni per il modo REDD è attualmente in via di sviluppo: il mancato riconoscimento dei diritti dei popoli indigeni e delle comunità locali e la definizione fi “foreste”, che non distingue  tra le piantagioni e foreste naturali, il che significa che le grandi imprese potrebbero abbattere le foreste e sostituirle con piantagioni  e quindi beneficiare di sovvenzioni sotto REDD.

Quel che è peggio, il commercio del carbonio immagazzinato nelle foreste potrebbe portare a una corsa alla terra ai danni delle popolazioni indigene e le comunità che dipendono dalla foresta. Un anno fa, la commissione delle Nazioni Unite sulla eliminazione della discriminazione razziale (CERD) ha criticato il progetto indonesiano di regolamento sulle procedure di attuazione del REDD, in quanto incompatibili con i diritti delle popolazioni indigene. Questo regolamento consentirebbe al governo di distribuire concessioni forestali per la cattura del carbonio, con le stesse procedure con cui ha fino ad oggi assegnato concessioni di taglio. CERD raccomanda che tale progetto sia rivisto e reso compatibile con i diritti delle popolazioni indigene sui territori ancestrali e sull’utilizzo delle loro foreste, che include il REDD.

Fonte: http://www.salvaleforeste.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here