GIAPPONE – Furto dati informatici Sony. Ceo chiede scusa

Il ceo del colosso giapponese dei media Sony, Howard Stringer chiede scusa alla clientela per le falle al sistema di sicurezza di Internet che hanno costretto la societa’ a bloccare le carte di credito e a ritirare le password di 78 milioni di utenti della Playstation Network. Dopo diversi giorni di silenzio Stringer ha ammesso che la Sony avrebbe dovuto “notificare prima ai clienti” i disagi che avrebbero dovuto sopportare per il furto dei loro dati informatici personali avvenuti all’interno della rete della societa’ giapponese. “Avrei dovuto dare prima delle riposte – ammette Springer – ma le analisi sono state complesse. Gli hacker fanno di tutto per coprire le loro tracce e c’e’ voluto diverso tempo ai nostri esperti per scoprire quali informazioni personali erano state rubate”. La Sony ha offerto ai clienti che hanno subito danni 30 giorni di accesso gratis a un servizio giochi e un rimborso per il rinnovo delle carte di credito. “So che e’ stato frustrante per voi – aggiunge Stringer -. A oggi non c’e’ evidenza di un utilizzo dei dati personali rubati, ma continueremo a monitorare la situazione”.

fonte aduc