Gentile Direttore,
nei giorni scorsi ho appreso una notizia a mio giudizio da riportare a caratteri cubitali su tutti i mezzi di informazione. Si stanno sbandierando i vari provvedimenti per ridurre i costi dello Stato come se questi fossero sacrifici personali dei nostri politici. La notizia sconvolgente è che gli ex parlamentari hanno per ben dieci anni, dopo la fine del loro mandato, una sorta di benefit di 2.200 euro annui da spendere per viaggi aerei o ferroviari. Solo al senato sono 250 coloro che godono di questo immeritato e ingiusto privilegio. Pensate che fino a pochi anni fa, non so esattamente fino a quando, ma si parla di tempi recentissimi, questo privilegio era valido per tutta la vita degli ex parlamentari. C’è un individuo qualsiasi che può riferire alla popolazione per quale motivo la comunità deve pagare i viaggi di piacere per dieci anni a tutti gli ex “onorevoli”? Ma perdìo nessun partito è in grado di eliminare simili vergogne?! In questi momenti comprendo le ragioni di chi si astiene dal voto, è per un senso di schifo che milioni di persone non si recano alle urne.

Marco Chierici

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here